5.000 scintillanti, Warholm battuto e Ingebrigtsen in gara: gli highlights del meeting di Oslo



Sesto appuntamento della stagione nella Diamond League, l'incontro di Oslo ha regalato momenti molto belli questo giovedì, a partire da 5.000 metri eccezionali segnati da tredici primati personali e sei record nazionali. L'etiope Hagos Gebrhiwet ha ottenuto il secondo miglior punteggio della storia (12'36''73) davanti al primatista mondiale Joshua Cheptegei (9° in 12'51''94), mentre Jimmy Gressier, 11° e solo per buona parte della gara, ha comunque migliorato di oltre un secondo il proprio primato francese (12'54'' 97).

“Non sono venuto per quello, ma sono feliceha reagito Gressier. Volevo farmi una prima gara lunga nelle gambe prima dei Campionati Europei (la prossima settimana a Roma). Ho un buon record ma sono ancora lontano dai migliori. E mi sono fatto male al tendine una settimana fa in allenamento, quindi lasceremo a noi stessi vedere cosa faremo dopo, per non correre rischi. »

In patria, le stelle norvegesi Karsten Warholm e Jakob Ingebrigtsen hanno avuto fortune alterne. Se il primo, partito a cannone sui 400 m ostacoli, è stato raggiunto nel rettilineo finale dalla brasiliana Alison Dos Santos (46''63), che non si è tirata indietro dallo stuzzicare il pubblico con Oslo dopo la sua vittoria, il secondo vinto nello strappo sui 1.500 m. Ingebrigtsen ha infatti resistito alla strepitosa rimonta di Timothy Cheruiyot tuffandosi sulla linea (3'29''74), ed è stato dichiarato vincitore per tre centesimi (3'29''77). Il francese Azeddine Habz si è piazzato terzo in questa gara in 3'30''80, il suo miglior tempo stagionale.

READ  Marta vuole concludere la sua carriera internazionale dopo le Olimpiadi del 2024

“Sensazioni complicate” per Thibaut Collet

Gli altri francesi attesi non hanno brillato questo giovedì. Con un lancio misurato a 61,57 m, Mélina Robert-Michon si è classificata 7a nella competizione del disco, vinta dalla cinese Bin Feng che ha realizzato il suo miglior lancio della stagione (67,89 m). Delusione anche per Thibaut Collet, 9° nel salto con l'asta per il suo ritorno in Diamond League. Il francese ha superato i 5,42 m al primo tentativo prima di subire tre fallimenti a 5,62 m.

“I sentimenti sono complicati staseraha reagito Collet. È stato molto difficile trovare punti di riferimento. Le mie gambe non hanno risposto durante il riscaldamento e ho avuto un grande spavento al primo tentativo quando sono caduto contro la barriera. Dietro i due salti non riescono a passare per molto. Non sono nella migliore forma della mia vita, ma succederà poco a poco e farò molto meglio a Stoccolma (domenica). » La competizione è stata vinta dall'americano KC Lightfoot (5,82 m).

Shericka Jackson non rassicura

I 200 metri femminili sono stati dominati dall'americana Brittany Brown (22''32) che ha battuto sul traguardo l'ivoriana Marie-Josée Ta Lou (22''36), gara segnata dalla scarsa prestazione della due volte campionessa del mondo Shericka Jackson . La seconda donna più veloce della storia sulla distanza (21″41), è partita bene, ha perso terreno a metà curva ed è arrivata solo quinta in 22″97 (-0,2 m/s). Evidentemente lungi dall'aver avuto una preparazione ideale, la giamaicana aveva più volte rinviato la sua ripresa, senza spiegarne i motivi.

READ  L'Inghilterra inizia il tour estivo con una grande vittoria contro il Giappone, Marcus Smith brilla

I 100 metri maschili sono stati vinti dal sudafricano Akani Simbine in 9''94 (+0,4 m/s). Il campione olimpico Marcell Jacobs ha realizzato il suo miglior tempo stagionale con 10''03, senza sempre impressionare particolarmente. Ma lo sprint migliore della serata è merito del britannico Matthew Hudson-Smith, che ha infranto il suo record europeo dei 400 metri di quasi due decimi, completando il giro in 44”07.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *