A Parigi, una visita propone di scoprire le donne che hanno segnato la storia dello sport



Pierre de Coubertin non solo ha detto che l'importante è partecipare (in realtà non lo ha detto veramente), ha anche detto che “Le Olimpiadi femminili sarebbero poco pratiche, poco interessanti, antiestetiche e scorrette”.

Femminista in città, qui “mette in risalto le donne e il femminismo attraverso l’arte, la storia e la cultura”, ha mantenuto solo l'ultima parola per dare un nome alla sua nuova visita guidata a Parigi: gli errori dello sport.

È anche dal Comitato Nazionale Olimpico e Sportivo Francese (CNOSF), dove nella sala si trova una statua del buon barone, che parte la visita. Perché dal 2001 come vicina di casa c'è Alice Milliat, la pioniera dell'attivismo sportivo femminile.

La guida Sonia Thuillier racconta la sua storia e quella degli altri, quelli che hanno veramente sconvolto, quelli che hanno scioccato, quelli che hanno dato fastidio, quelli che si sono guadagnati un posto nella storia dello sport.

Se con le altre visite proposte scopriamo, ad esempio, la street art femminista, le donne del Louvre o d'Orsay o ci confrontiamo con “terrore femminista al Père Lachaise”, qui camminiamo tra il XIIIe e XIVe arrondissements di Parigi, attraversiamo la (così bella) città universitaria internazionale ascoltando le gesta di Annette Kellermann, la nuotatrice australiana arrestata per atti osceni in costume intero nel 1907 e la prima ad aver sfidato la maratona maschile, Kathrine Svizzera.

Parliamo anche di iperandrogenismo con Caster Semenya, Giochi Paralimpici con la stella della schermitrice italiana Bebe Vio, squadra olimpica dei rifugiati con la siriana Yusra Mardini, che prima delle piscine delle Olimpiadi del 2016 e del 2021, ha dovuto nuotare nel Mediterraneo per salvarsi la vita quando la sua barca è affondata.

Scopriamo Annie “Londonderry”, la prima donna ad aver fatto il giro del mondo in bicicletta. Era il 1894, lei aveva 24 anni, aveva tre figli e accettò una scommessa. Ma non vi spoileriamo tutto di questo piacevole girovagare sportivo, vi consigliamo solo quest'ora e mezza dedicata ai valori emancipatori dello sport che ancora oggi accompagnano la liberazione della donna.
Informazioni e registrazione su feministinthecity.com/paris.Informazioni e registrazione su feministinthecity.com/paris.

READ  Groupama Stadium sott'acqua per un concerto dei Coldplay



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *