Accensione della fiamma olimpica: tempo capriccioso ma momento più solenne che mai



E c'era il fuoco! La fiamma olimpica per JO da Parigi è stato acceso martedì a mezzogiorno nell'antico sito di Olimpia, in Grecia, 101 giorni prima della cerimonia di apertura del 26 luglio. Il cielo del Peloponneso, troppo nuvoloso, sul luogo dei primi Giochi Olimpici dell'Antichità, non consentiva l'illuminazione con i raggi del sole come richiedeva l'antica tradizione. Bisognava affidarsi alla fiamma di riserva che era stata accesa il giorno prima secondo le regole.

Dopo un viaggio di 11 giorni attraverso la Grecia, la fiamma verrà trasportata in Francia. Laure Manaudou, visibilmente felice di essere presente, era launo dei primi trasportatori. L'accensione della fiamma è avvenuta davanti alle rovine del tempio di Hera, risalenti a 2.600 anni fa, nella culla dell'Olimpismo, alla presenza del presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Thomas Bach.

“Desideriamo qualcosa che ci riunisca di nuovo, qualcosa che ci unisca, qualcosa che ci dia speranza”

Thomas Bach, presidente del CIO

« In questi tempi difficili, dove le guerre e i conflitti aumentano, le persone sono stufe dell’odioha lanciato in un breve intervento, senza i nostri cuori comuni, desideriamo qualcosa che ci riunisca di nuovo, qualcosa che ci unisca, qualcosa che ci dia speranza. » Anche il presidente del comitato organizzatore delle Olimpiadi di Parigi, Tony Estanguet, ha visto in queste Olimpiadi « più che mai una forza di ispirazione (…) per tutti noi e per le generazioni future.”

READ  Mark Daigneault (Oklahoma City Thunder, qualificato per i playoff NBA): “Il West è stato incredibile quest’anno”

In Grecia, seicento tedofori – compreso il campione olimpico di pattinaggio artistico Gabriella Papadakis – passerà la fiamma che percorrerà 5.000 km attraverso sette isole greche, dieci siti archeologici e la Roccia dell'Acropoli dove trascorrerà una notte accanto al Partenone. La Flame si imbarcherà il 26 aprile a bordo del tre alberi Belem che raggiungerà Marsiglia l'8 maggio, prima di attraversare la Francia, nelle regioni che hanno accettato, passando anche per le Antille.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *