Ai Trofei UNFP, Mbappé alla ricerca del quintinetto



Con gli anni era diventato il suo punto di riferimento. Il momento in cui Kylian Mbappé è venuto a ritirare il suo premio, quello di migliore speranza della stagione prima (2017, 2018, 2019), quello di miglior giocatore (2019, 2021, 2022, 2023) poi. Il momento in cui, in chi lo circonda, a partire dal famoso episodio del 2019 – “Sento che forse è giunto il momento di avere più responsabilità” – tremava all’idea di vedere esplodere una nuova bomba mediatica.

Questo lunedì sera, al padiglione dell'Armenonville (16° arrondissement di Parigi), un'atmosfera diversa circonderà l'attaccante parigino. La stella 25enne avanzerà, contro i suoi quattro concorrenti, per il quinto titolo di miglior giocatore dell'anno

. E in attesa che magari l'anno prossimo venga nominato nella categoria miglior giocatore francese all'estero, il futuro madrileno potrebbe completare la sua “era” di dominio in Francia.

Brest sotto i riflettori? Poca suspense circonda l'incoronazione del capocannoniere della stagione che, non riuscendo a lasciare un'impressione di dominio, avrà sbalordito la concorrenza con la sua costanza nei finali (27 gol in 29 partite di L1). Questo spazio multimediale offrirà senza dubbio più diDomenica al Parco dei Principi

Il suo compagno di squadra Warren Zaire-Emery ricorderà a lungo questa esercitazione del 2023-2024. In corsa per il titolo di migliore speranza, accanto in particolare al bluff Lenny Yoro, originario del Lille, e al creativissimo Rennais Désiré Doué, il centrocampista parigino (18 anni), ora internazionale, ha cambiato dimensione negli ultimi mesi. Questo titolo coronerà una stagione in cui, senza essere sempre regolare, “WZE” ha dimostrato quanto la sua precocità fosse eccezionale.

Ma questa serata non sarebbe completa se non offrisse un posto allo Stade Brestois, autore di una stagione entusiasmante. Attraverso l'incoronazione di Marco Bizot al titolo di portiere dell'anno? L'olandese (33 anni), di fronte ad esempio a Lucas Chevalier (Lille) o Gianluigi Donnarumma (Paris-SG), probabilmente partirà da un po' lontano.

Ma per la storia eccezionale che ha saputo creare, Éric Roy merita di salire sul palco per essere incoronato miglior allenatore. Più del suo omologo parigino Luis Enrique? Probabilmente. C'è un personaggio storico nella stagione del club bretone da premiare. Attraverso il suo gioco, il suo entusiasmo, i suoi uomini unici, il Brest è entrato, in questa stagione, nei cuori.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *