Alexandre Lacazette interpreta l'eroe con l'OL… prima di giocare le Olimpiadi con i Blues?



Una breve pausa nella rincorsa per sistemare Alaa Bellaarouch, per fermare il respiro di un intero stadio per qualche decimo di secondo in più e, infine, per piazzare il suo rigore con l'interno del piede di fronte al portiere alsaziano. L'improbabile ascesa di OL si è conclusa al sesto minuto di recupero nell'ultima partita della stagione, con un gol finale di Alexandre Lacazette.

Probabilmente non poteva finire diversamente: l'attaccante del Lione ha segnato meno in questa stagione rispetto alla precedente, ma la doppietta contro lo Strasburgo porta il suo totale in Ligue 1 a 19 punti. È vicino a Kylian Mbappé nella classifica dei marcatori, anche se ha giocato metà della stagione in una squadra retrocessa.

Due palloni in area, due gol

Le sue statistiche serali, del resto, esprimono chiaramente questa efficienza clinica che potrebbe valergli l'appellativo di “dottore” oltre che quello di generale. Domenica, Alexandre Lacazette ha toccato due palloni in area, ha tirato due volte, ha segnato due volte e ha segnato due volte.

Impeccabile. Ha evacuato la frustrazione di questa azione confusa in cui il suo volto ha colpito violentemente la spalla di Marvin Senaya in area alsaziana (8°), per riprendere il servizio di Saïd Benrhama e ribaltare lo stadio per la prima volta. Ha saputo non perdere il filo nonostante i duelli che spesso gli sono andati contro, al punto da consegnare il Lione e dare un po' più di sostanza alle sensazioni di soci e dirigenti che non hanno compreso al meglio la sua mancata candidatura al trofeo UNFP giocatore della Ligue 1.

READ  Nessuna cerimonia per assegnare il titolo di campione di Francia sabato in caso di vittoria del PSG contro Le Havre

Nessuna fase finale con i Blues, ma…

Questa settimana è stato escluso anche dalla lista dei 25 convocati da Didier Deschamps per gli Europei: a quasi 33 anni, le sue possibilità di partecipare alla fase finale con i Blues sono ormai molto scarse. Ma rivedrà l'Europa a settembre con il Lione e, fino ad allora, le Olimpiadi passeranno dalla Francia. Mentre la lista dei potenziali eletti che seguiranno Thierry Henry nella sua campagna estiva sembra restringersi di settimana in settimana, la candidatura di un generale così pluridecorato non verrebbe rifiutata.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *