Alexandre Sarr, Zaccharie Risacher, Tidjane Salaün: quali aspettative per la loro prima stagione in NBA?



Risacher, viaggio nell’ignoto ad Atlanta

Zaccharie Risacher lo aveva avvertito prima del Draft, lo voleva “approdare a un franchising che abbia davvero un progetto per (lui)”. Difficile vedere chiaramente quando si arriva ad Atlanta, che lo ha selezionato come prima scelta mercoledì sera a New York. L’ormai ex ala del JL Bourg (19 anni) arriva in una squadra in cui i due migliori giocatori stanno alimentando le voci di scambio, il leader Trae Young (25 anni) e l’esterno Dejounte Murray (27). In caso di partenza confermata del secondo, “Zach” si adatterebbe perfettamente sulla fascia nel ruolo di tiratore senza palla accanto a Young.

Il francese dovrebbe anche apportare la sua altezza (2,06 m) e le sue qualità difensive ad una squadra che nella scorsa stagione ha avuto grandi difficoltà a contenere gli attacchi avversari (quarta peggior difesa del campionato, 10a nella classifica dell’Est). “Farò del mio meglio per unirmi a questa squadra e aiutarla a vincere” ha reagito il giocatore francese dopo la cerimonia del Draft. Ottimo a Bourg con cui si è appena laureato miglior giovane dell’Eurocup e Betclic Elite, Risacher sembra avere le carte in regola per vincere ad Atlanta. D’altronde giocherà con un bersaglio sulle spalle per la sua prima stagione in NBA, un peso legato al suo nuovo status di “first pick”.

READ  Gros e Kouamé confermati per i Giochi, Grengbo come lanciatore veloce di squadra

Sarr, come un pesce da abbeverare a Washington

Lo sognava e ora è ufficiale: Alexandre Sarr sarà un giocatore dei Washington Wizards la prossima stagione. La franchigia flirta con lui già da diverse settimane, sedotta dalla sua combinazione di taglia (2,16 m) e mobilità che lo rendono un difensore versatile. Non c’è dubbio che l’ex giocatore di Perth in Australia dovrebbe ritagliarsi un posto da titolare in una squadra decimata nel settore interno, priva di Daniel Gafford (spedito a Dallas lo scorso febbraio).

La pressione del risultato sarà minima anche nella capitale americana, dove la scorsa stagione i Wizards sono entrati in modalità ricostruzione, chiudendo con il secondo peggior record della NBA (solo 15 vittorie in 82 partite). La seconda scelta del Draft potrà trarre ispirazione dai successi del connazionale Bilal Coulibaly a Washington, reduce da una stagione da rookie convincente su entrambe le fasce del campo (8,4 punti, 4,1 rimbalzi e 0,8 contro di media). « Ho guardato molto la squadra in TV la scorsa stagione e penso di poter avere un impatto sul loro gioco. Non vedo l’ora di aggiungere la mia esperienza a questa squadra ». ha commentato Sarr al termine del Draft.

Salaün, a Charlotte una scommessa sul futuro

È difficile immaginare Tidjane Salaün selezionato dal sesto posto nel Draft due mesi fa. Ormai è finita per questa ala robusta ed esplosiva (2,06 m, 99 kg) che sembra tagliata per le partite NBA. A Charlotte, l’ex giocatore dello Cholet (18 anni) si unisce ad una franchigia in pieno cambiamento che si è separata lo scorso inverno da tre veterani, Terry Rozier, Gordon Hayward e PJ Washington, e ha appena nominato questa settimana un nuovo allenatore, il giovane Charles Lee ( 39 anni).

READ  La vincitrice delle prove, Mihimana Braye si unisce al Tahiti Pro

« Sono pronto a portare tutto il mio entusiasmo, a giocare duro al 1000% » Salaün ha reagito dopo il Draft di mercoledì sera, dicendosi anche impaziente di giocare al fianco del leader LaMelo Ball (22 anni). “Mi farà qualche alley-oops e sarò pronto a saltare e metterli in cerchio. » A soli 18 anni, il francese resta per il momento una scommessa sul futuro in una squadra che conta già diverse ali (Grant Williams, Brandon Miller, Miles Bridges) e spera di ritrovare il gusto della vittoria dopo una stagione difficile (13° posto verso est).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *