Alison dos Santos e Kenny Bednarek in gran forma a Doha



Per il suo ritorno nei 400 ostacoli, la brasiliana Alison dos Santos, campionessa del mondo 2022 a Eugene in 46''29 (3° tempo nella storia), ha colpito fortissimo venerdì a Doha, vincendo in 46''86, ovviamente il miglior performance globale dell’anno. Incredibilmente rilassato, Dos Santos ha corso più veloce solo tre volte nella sua carriera e dimostra con questo tempo straordinario che rappresenterà una seria minaccia per Karsten Warholm e Rai Benjamin alle Olimpiadi di Parigi, dove mirerà meglio della medaglia di bronzo ottenuta. a Tokio.

Lo statunitense Kenny Bednarek (25 anni), vicecampione del mondo 2022 ma anche vicecampione olimpico 2021 dei 200 metri, ha confermato la sua ottima forma vincendo il mezzo giro della pista in 19''67 (+ 1.7 m/s ) senza sembrare forzare negli ultimi metri. Si tratta del suo nuovo primato personale (migliorato di un centesimo) e della migliore prestazione mondiale dell'anno. “Kung Fu Kenny” ha preceduto di gran lunga altri due americani, la sua compagna di allenamento Courtney Lindsey (20”01) e Kyree King (20”21).

MPM per Beatrice Chebet oltre i 5.000 m

La due volte campionessa del mondo di cross keniana Beatrice Chebet ha firmato la migliore prestazione mondiale dell'anno sui 5.000 m in 14'26''98 e ha vinto grazie ad una magnifica accelerazione all'ingresso dell'ultima curva, davanti ad un drappello di etiopi guidati da Ejgaheyu Taye, 2° in 14'29''26.

Partito molto presto in solitaria sui 1.500 m, l'etiope Freweyni Hailu aveva un vantaggio di quasi 30 m a un giro dalla fine, ma il campione del mondo indoor dei 1.500 m qualche settimana fa a Glasgow aveva vinto di misura in 4'00''42 davanti all'australiano Jessica Hull (4'00''84).

Il campione olimpico dei 400 metri delle Bahamas Steven Gardiner ha vinto con facilità in 44''76 per quella che era solo la sua seconda uscita dell'anno in pista, dispiegando il suo superbo passo davanti allo zambiano Muzala Samukonga (45''07) e al botswanano Leungo Scozzese (45''29).

I 100 metri a ostacoli per Kambundji, i 1.500 per Komen

La svizzera Ditaji Kambundji ha vinto i 100 ostacoli molto combattuti in 12''49 (+1.7 m/s), molto vicino al suo record personale, grazie ad un ottimo finale di gara nella sua corsia 7. Ha battuto l'americana Tonea Marshall ( 12”51) e la polacca Pia Skrzyszowska (12”53).

Sui 1.500 m, la vittoria è andata all'outsider keniano Brian Komen (3'32''43) che ha battuto nel rettilineo finale i suoi due connazionali, il campione del mondo 2019 Timothy Cheruiyot (3'32''67) e il campione del mondo junior 2022 Reynold Cheruiyot (3'32''96).

READ  Counter-Strike: sconfitta in finale per i Vitality

Alla fine, il vento era troppo favorevole perché il miglior salto della serata potesse essere convalidato. Appartiene al giamaicano Carey McLeod, vincitore con un salto di 8,52 m (+5,2 m/s). Il campione olimpico e mondiale greco Miltiadis Tentoglou è secondo con 8,36 m (+1,9 m/s). Nel salto con l'asta, vittoria per la campionessa del mondo indoor, la britannica Molly Caudery, con 4,73 m, che ha battuto nelle prove la campionessa del mondo australiana Nina Kennedy.

Altezza per argomento, 18 anni

In quota, la giovane serba Angelina Topic (18 anni), figlia di Dragutin Topic, campionessa europea in quota del 1990, ha vinto con 1,94 m, davanti all'ucraina Iryna Gerashchenko e all'australiana Eleanor Patterson (1,91 m). Delusione per Nawal Meniker che ha superato 1,84 m all'ultimo tentativo prima di tre fallimenti a 1,88 m.

Nel giavellotto, vittoria per il vicecampione olimpico ceco Jakub Vadlejch con 88,38 m, solo due centimetri davanti alla stella indiana Neeraj Chopra (88,36 m). Nel disco, vittoria per il campione del mondo 2022, lo sloveno Kristjan Ceh, con 70,48 m, che precede di gran lunga l'australiano Matthew Denny (69,02 m).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *