Alizé Cornet e Richard Gasquet invitati al Roland-Garros, non Lucas Pouille e Dominic Thiem



La Federazione francese di tennis ha rivelato martedì chi è stato invitato al Roland-Garros. Tra le donne, non a caso, Alizé Cornet (99esima), che ha annunciato che il Grande Slam parigino sarà l'ultimo torneo della sua carrieraè il beneficiario dell'operazione “Destination Roland-Garros International Race” che premia il giocatore francese con il punteggio più alto che non entra direttamente in classifica.

Loïs Boisson (152°) sarebbe stata la beneficiaria della wild card “Race France”, essendo la francese ad aver segnato più punti in più tornei disputati in Francia. Ma lunedì si è infortunata al ginocchio sinistro durante la partita del primo turno al WTA 125 di Parigi ed è stata costretta a ritirarsi. Jessika Ponchet (155°) recupera il sesamo.

Sono invitate anche Chloé Paquet (133a), Fiona Ferro (149a), Elsa Jacquemot (158a) e Kristina Mladenovic (220a), nonché Ajla Tomljanovic (219a) e Sachia Vickery (127a) nell'ambito degli accordi di reciprocità con l'australiana e Federazioni americane. Léolia Jeanjean (145°) e Carole Monnet (184°) non sono state premiate. Anche Simona Halep (1149esima), vincitrice del torneo nel 2018, non ha beneficiato di un invito.

Pouille, Thiem e Schwartzman dovranno passare attraverso le qualifiche

Nonostante i rispettivi titoli domenica nei Challenger di Francavilla (Italia) e Mathausen (Austria), Titouan Droguet (146°) e Lucas Pouille (229°) non sono stati invitati, così come Grégoire Barrère (115°), Benoit Paire (143°), Benjamin Bonzi (175°) o Quentin Halys (188°). Tutte queste piccole persone dovranno passare attraverso le qualificazioni per sperare di raggiungere il tavolo finale.

Non sono stati invitati nemmeno Dominic Thiem, doppio finalista del torneo (2018, 2019) e Diego Schwartzman, semifinalista nel 2020, che hanno entrambi annunciato la fine della loro carriera tra pochi mesi.

Nicolas Moreno De Alboran (136°) e Adam Walton (111°) sono stati invitati nell'ambito degli accordi reciproci con le Federazioni australiana e americana.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *