Alizé Cornet, rabbia fino all'ultimo punto



La scena è stata sorprendente, toccante, ma così rivelatrice del carattere che è sempre stato quello di Alizé Cornet durante tutta la sua carriera e della sua voglia di non arrendersi mai. Mentre aveva appena perso al primo turno dell'Internazionale di Strasburgo contro Emma Navarro (6-4, 6-1), lunedì, in una partita in cui era ben lungi dall'essere favorita contro la 24esima del mondo, Cornet (107esima) era fuori di sé e ha criticato la sua bassa percentuale di successo al servizio. Il suo allenatore non ha avuto davvero l'opportunità di farne uno, la frustrazione doveva essere scaricata. Lascia che la rabbia si calmi. E pochi secondi dopo, la francese è finita in lacrime.

“Non ci sarà stato un momento della mia carriera in cui avrei giocato rilassato, senza preoccuparmi del risultato”

Vederla in quello stato non poteva lasciare nessuno indifferente. In un altro momento della sua carriera avremmo potuto capirlo facilmente. Cornet è un combattente puro. Il deficit fisico al momento dello sciopero l'ha sempre compensato con uno stato d'animo e una competitività straordinari. Ma in questo mese di maggio, a Cornet resta solo un torneo prima di mettere definitivamente la racchetta nel sacco. A 34 anni, ha annunciato che l'ultimo punto che avrebbe giocato al Roland Garros sarebbe stato anche l'ultimo della sua carriera. Allora perché mettersi in uno stato del genere quando il traguardo sta per finire?

READ  Conosciuti i cinque francesi selezionati per la boccia alle Paralimpiadi del 2024

“Nelle mie ultime partite cerco di dire a me stesso che devo essere più libero, ma non ci riesco. Quando lo facciamo da 20 anni, questo desiderio di vincere mi raggiunge sempre. Penso che sarà così fino alla fine e che non ci sarà stato un momento della mia carriera in cui avrei giocato rilassato, senza preoccuparmi del risultato. Questo non è quello che sono”, spiega la gentile donna. Non torneremo insieme e lei preferisce riderci sopra, è già così. “Non credo che potrò dimenticare il concorrente. Non posso essere figo, ho bisogno di disciplina e lavoro. »

“Sto lottando come ho fatto durante tutta la mia carriera e così sarà fino all’ultimo punto giocato al Roland-Garros”

È difficile essere cool, proprio, quando la fine sta prendendo forma in modo così preciso, dopo 20 anni in cui hai dato tutto. “Ci sono tante cose da gestire in questo momento, il che significa che non è sempre facile giocare una partita di tennis. Penso molto a come sarà la mia vita dopo il tennis. Non è un momento facile da gestire, ma è un bel momento perché è la fine di una grande avventura e sto cercando di dare il massimo in campo. Sto lottando come ho fatto durante tutta la mia carriera e sarà così fino all'ultimo punto giocato al Roland-Garros. »

READ  Campionato ISPS Handa: Katsuragawa vincitore, Vaillant 7°, Pavon stanco

Presto capitano della squadra francese della Billie Jean King Cup?

In ogni caso, nessun rimpianto. Ora è il momento giusto. Cornet riconosce che il desiderio sta diminuendo, così come il fisico. “Quindi è il momento perfetto per dire addio a casa. » E dopo ? Non è ancora chiaro. C'è il desiderio di intraprendere la carriera letteraria, dopo un primo romanzo pubblicato lo scorso anno. Ma il tennis potrebbe essere ancora presente nell’aldilà. “Non ho mai nascosto che, in futuro, mi piacerebbe diventare il capitano della squadra francese di Billie Jean King Cup. Quindi forse ci rivedremo a bordo campo. »

Nel frattempo, se sa che ricorderemo la lottatrice dal carattere forte, Cornet vorrebbe che la ricordassimo anche fuori dal campo “chi ha buoni valori umani, saluta e sorride spesso. Spero che faremo differenza tra quella che era in campo, molto generosa nelle emozioni, forse troppo, a volte, e la ragazza che sono fuori e che è molto più semplice. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *