Amadou Onana: “Provo compassione per qualsiasi popolazione oppressa nel mondo”


Detentore indiscutibile del Belgio, Amadou Onana giocherà la sua terza partita del girone di questo Europeo mercoledì contro l’Ucraina (18), con la minaccia di una seconda ammonizione che lo priverebbe di un potenziale ottavo di finale. L’ex centrocampista del LOSC, che gioca da due stagioni all’Everton (Premier League), dove incontra quotidianamente il suo compagno di squadra ucraino, il terzino sinistro Vitali Mikolenko, metterà le cose in prospettiva senza oscurare il contesto della guerra con la Russia.

« Il tuo compagno di squadra, Vitali Mikolenko, lunedì ti aveva avvertito che ti avrebbe spinto al limite…
Sono molto felice di sentirlo. È un partner a cui sono legato. Mi piace. Ma per novanta minuti, domani non saremo amici (Mercoledì). Gli auguro ancora buona fortuna.

Possiamo provare compassione quando giochiamo contro l’Ucraina, impegnata in una guerra contro la Russia?
SÌ. Sono piuttosto sensibile a questi argomenti. Ho compassione per ogni popolazione oppressa del mondo. Qualsiasi perdita umana è un disastro per l’umanità. Non lo perdono. Ora, domani (Mercoledì)Mi concentrerò sul mio compito, ovvero raggiungere il nostro obiettivo di qualificarci agli ottavi di finale. Ma sono una persona a cui non piace nessuna forma di ingiustizia. E lo sarò sempre.

“Sono maturato. Forse ho letto la partita un po’ meglio di prima”

Ai Mondiali del 2022 non hai potuto giocare la terza partita del girone contro la Croazia (0-0, eliminazione al primo turno) a causa della squalifica. Ne sei stato frustrato?
Lo stavo aspettando. È un’esperienza che mi ha fatto crescere. È stato abbastanza difficile seguire dalla tribuna la partita contro la Croazia. Questo è un ambito su cui ho lavorato molto. Sono maturato. Forse ho letto il gioco un po’ meglio di prima. Abbiamo bisogno di tutti nel gruppo. E sono felice finora.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *