Anthony Joshua aspetta il suo momento per il titolo IBF



Presente a bordo ring, seduto proprio accanto a Cristiano Ronaldo, l'inglese Anthony Joshua (34 anni, 1,98 m, 28 vittorie, di cui 25 prima del limite, 3 sconfitte) ha stimato che Alexandre Usyk meritasse la vittoria, tanto che il il risultato non era ancora stato annunciato. L'8 marzo, Joshua ha impressionato su questo stesso ring alla Kingdom Arena, buttando giù agli ottavi il camerunense Francis Ngannou, ex campione di MMA UFC, che è stato battuto solo ai punti da Tyson Fury lo scorso ottobre. Dopo le due sconfitte ai punti contro l'ucraino, l'ultima nell'agosto 2022, Joshua ha vinto i suoi quattro incontri e, sfidante numero 1 WBC e WBO, 2 WBA e 3 IBF, è in attesa di una nuova possibilità mondiale. Sperava di affrontare il vincitore di Fury-Usyk, ma dovrà aspettare, visto che il nuovo campione del mondo dovrà concedere a Fury una rivincita diretta.

Nel frattempo, Joshua potrebbe tranquillamente rivendicare il titolo IBF. Questa federazione non autorizza rivincite dirette, dovrebbe entro pochi giorni licenziare Usyk e mettere in palio il titolo tra il croato Filip Hrgovic (31 anni, 1,98, 17 v., di cui 14 prima dei playoff, 0 d.) e l'inglese Daniel Dubois (26 anni, 1,96 m, 20 v., 2 d.), il loro combattimento avrà luogo il 1 giugno a Riyadh. Il vincitore avrebbe poi affrontato Joshua allo stadio di Wembley il 20 o 21 settembre. Se quest'ultimo vince, diventerà l'ovvio avversario per il vincitore della rivincita Usyk-Fury. Ma una lotta Usyk-Joshua non creerà tanta eccitazione quanto un Fury-Joshua. I due inglesi non si rispettano e non perdono occasione per insultarsi a vicenda, pur rispettando Usyk. E un terzo incontro con l'ucraino, che ha già dominato due volte Joshua, non susciterà le stesse passioni.

READ  La Francia conclude la fase a gironi della Nations League con un successo al tie-break contro il Brasile



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *