Armand Duplantis vince con 6 metri a Ostrava



Il vento che soffia lateralmente sul salto con l'asta installato vicino alle tribune principali ha fortemente ostacolato i concorrenti. Cinque di loro non sono riusciti a fare meglio di 5,62 m, come il francese Ethan Cormont, secondo nelle prove, e Anthony Ammirati (5°). Poi, quando tutti sono stati eliminati, e solo Armand Duplantis è rimasto in corsa, il vento si è indebolito. Lo svedese, però, ha avuto difficoltà anche ad attraversare i 6 metri, toccando due volte la traversa con le ginocchia durante la caduta.

Una volta espletata questa formalità, ha affrontato il suo record del mondo, stabilito a Xiamen ad aprile (6,24 m) chiedendo 6,25 mt. Dopo due salti abortiti all'inizio della salita, Duplantis ha completato il terzo e, anche se la barra ballava bene, il salto era promettente.

Jacobs battuto da De Grasse nei 100 metri

I tempi negli sprint non sono stati dei più veloci. Nei 100 m, una delle attrattive dell'incontro ceco, il canadese Andre de Grasse, si è distinto vincendo agevolmente in 10″10 (senza vento), precedendo all'indietro il campione olimpico in carica, Marcell Jacobs (10″19 ). “ È una gara molto brutta, ha ammesso all'arrivo. Le mie gambe non rispondevano dopo 40 metri. Ho intenzione di correre a Oslo tra due giorni. » Il 29enne italiano non ha avuto recupero nella seconda parte della gara e non è mai riuscito a raggiungere De Grasse. Il campione olimpico dei 200 metri ha vinto anche la sua distanza preferita, 1 ora e 20 minuti dopo, in 20.09 (+0.4 m/s).

READ  Dorian Godon vince la 1a tappa del Tour de Romandie e conquista la maglia di leader

« È stato un buon allenamento, volevo mettere alla prova la mia forma fisica e la mia resistenza qui, vedere a che punto sono, ha spiegato de Grasse. Sono felice. Era un po' presto per i 200 metri ma la prossima volta sarà sotto i 20″ « . Tra le donne, la polacca Ewa Swoboda ha volato i 100 m in 11.05 (vento +0.7 m/s), suo miglior tempo stagionale.

Tual secondo dietro Sedjati, Guillemot e Happio bloccati

Un gruppo di francesi si è recato in Repubblica Ceca, dove un acquazzone pomeridiano ha rinfrescato un po' l'atmosfera (23°C). Gabriele Tual, vincitore a Nancy Sabato, non è riuscito a ripetersi e si è classificato secondo negli 800 m in 1'45″79. Nel gruppo, ancora bloccato alla corda, il giocatore del Bordeaux non ha reagito quando l'algerino Djamel Sedjati ha scavato la rete. , lui, come in Lorena, ha realizzato un buon rettilineo finale, per passare dal 4° al 2° posto, Sedjati ha siglato un nuovo MPM in 1'43″51.

Per la sua seconda gara della stagione, Wilfried Happio non è riuscito a migliorare. Terzo nei 400 ostacoli al meeting della Diamond League di Doha del 10 maggio (49″10), l'ostacolista è arrivato quarto in 49″48 in una gara vinta dall'italiano Alessandro Sibilio (48″25). Nei 500 m, Bastien Augusto ha ottenuto più vicino al suo record con 3'35″25 (7°).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *