Arthur Fils sul Torneo di Monte-Carlo: “Qui sono tutti rilassati”



“Come si passa dalla partita in programma contro Mannarino (a forfait) in un incontro concluso rapidamente contro Hanfmann ?
Sono passato dall'incontrare un mancino che gioca tutto teso a un destro che serve benissimo e che gioca quasi al contrario… Ho avuto un'ora per parlarne con gli allenatori. Ma in ogni caso dovevo imporre il mio gioco: l'anno scorso giocò i quarti a Roma. Ha funzionato a mio favore perché fin dall'inizio sono riuscito a muoverlo bene, cosa che non gli piace. Non appena detta il gioco, colpisce forte, può fare drop shot… Appena sono riuscito a servire bene e a trovare la lunghezza in risposta, la partita è andata bene.

Quest'anno scopri molte cose sul circuito. È stata la tua prima a Monaco. Allora ?
Ho guardato tanto il torneo in TV, ho visto tanti campioni affrontarlo. Sono felice di giocarci. Ma è bello anche vincere le partite. Diventerà una pietra miliare per me. È bellissimo qui. Qui sono tutti « rilassati », come a Indian Wells. Anche lì c'era silenzio. Per ora questi sono i due migliori tornei che ho giocato in carriera. È vero che sto scoprendo tante cose quest'anno . Mi piace. Sto visitando nuovi paesi, viaggio molto… Ci sono buone esperienze, alcune non così buone. Devi affrontarlo, sono giovane. Sto ancora imparando. Sono mescolando la programmazione, cercando di vedere dove sono il migliore, un po' meno bravo.

READ  Esport - League of Legends: la Karmine Corp campione di Francia per la terza volta

“(Il Sud America) mi ha permesso di allenarmi molto a terra. (…) Adesso mi sento a mio agio nel muovermi e nel giocare”

Questo “famoso” tour in Sud America di febbraio ti è servito a qualcosa?
Queste sono condizioni francamente completamente diverse. Non ha niente a che fare. L'umidità, la terra molto più pesante. Lì è abbastanza veloce. In Sud America, prima di fare punto, dovevi colpire dieci palline. Ma mi ha permesso di allenarmi molto a terra. All’inizio ero un po’ malato, ma alla fine di Rio e a Santiago abbiamo lavorato bene. Adesso mi sento a mio agio viaggiando e giocando, c'è chi non gioca sulla terraferma da un anno… Diciamo che il Sud America è stata una bellissima esperienza. Non ho vinto molte partite, ma mi sono allenato bene. Ora sto bene.

Cosa ti aspetti dai tuoi due allenatori Sébastien Grosjean e Sergi Bruguera?
Per entrambi è esattamente la stessa cosa. Quello che sto aspettando è la loro esperienza. Sergi ha giocato molto bene sulla terra battuta (due volte vincitore del Roland-Garros nel 1993 e nel 1994), Anche Seb che ha realizzato un mezzo per Roland. Devono cercare di guidarmi. Sono giovane, commetto errori che hanno fatto anche loro. Se possono avvisarmi, non è male…



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *