Aryna Sabalenka: “Questa rivalità che abbiamo con Iga Swiatek è fantastica”


“Come ti senti dopo le due finali di Madrid e Roma?
Sono molto felice di essere di nuovo qui. Ho ottenuto dei buoni risultati a Madrid e a Roma (finale)quindi vengo qui abbastanza fiducioso.

Come ti avvicini alla partita contro Iga Swiatek, che conosci bene, e che sta dominando la stagione sulla terra battuta e si trova particolarmente bene al Roland-Garros (tre titoli)?
Non mi concentro su quello, mi concentro su me stessa, sui miei obiettivi: migliorare per avere la possibilità di batterla sulla terra, e soprattutto qui. Ovviamente ha ottenuto ottimi risultati al Roland-Garros, quindi è una sfida in più. In realtà mi motiva davvero, mi spinge a lottare in campo.

“Queste partite (contro Swiatek) mi hanno permesso di mirare proprio dove potevo fare meglio”

Pensi che la tua rivalità con Iga Swiatek possa entrare nella storia del tennis?
Questa rivalità che abbiamo con Iga è fantastica. Naturalmente possiamo citare anche Elena (Rybakina) o Cocco (Gauff). Non siamo solo noi due. Mi motiva a migliorare e ho migliorato molte cose nel mio gioco grazie ai nostri incontri. Queste partite mi hanno permesso di mirare proprio dove potevo fare meglio.

READ  Martigues perde l'occasione e vede rientrare Niort, le sei retrocesse si conoscono in Nazionale

È difficile dire che la rivalità che abbiamo in questo momento sia alla pari con quella di altre leggende. Forse alla fine della mia carriera mi guarderò indietro e dirò « forse anche noi abbiamo avuto quella rivalità ». Ma oggi spero solo che potremo continuare a giocare grandi partite uno contro l’altro, per aumentare ulteriormente il nostro livello per produrre il miglior gioco possibile, per noi e per gli spettatori. Sono già grato di essere uno di questi migliori atleti.

Al primo turno incontrerete Erika Andreeva (19 anni, 101esima al mondo). Quali sono le tue impressioni sul tuo avversario?
Non ho mai giocato contro di lei. Ho già conosciuto sua sorella (Mirra Andreeva, 17 anni, ai quarti di finale quest'anno a Madrid). Devo ancora vedere qualche sua partita per capire meglio il suo modo di giocare. È molto giovane e gioca già ad un ottimo tennis, quindi non vedo l'ora di incontrarla. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *