Ascese e cadute delle divisioni francesi per il 2024-2025



Ligue 1/Ligue 2: ancora un posto in Prima Divisione da occupare

Nonostante il suo cartellino contro il Clermont domenica sera (5-0), Il Lorient non è riuscito a raggiungere un piccolo obiettivo nel jump-off. Accompagna il club dell'Auvergne in Ligue 2, mentre nella serie inferiore l'Angers conferma la sua ascesa con il pareggio contro Dunkerque (0-0) Domenica sera. Gli angioini sono al secondo posto alle spalle dell'Auxerre, altra squadra che rimonta subito dopo la retrocessione.

Metz, Saint-Étienne, Rodez e Paris FC sono ancora in corsa per il 18esimo e ultimo posto in L1. Ruthénois e Parisiens si affrontano martedì sera nella pre-diga di Paul-Lignon. Il vincitore sfiderà l’ASSE per ottenere il diritto di competere contro Metz, avanti e indietro, e quindi determinare chi rimarrà o si unirà all’élite nel 2024-2025.

Ligue 2/National: Troyes continua due discese, Martigues ritorna 22 anni dopo

Anche se c'è la possibilità che la partita contro il Valenciennes venga rigiocata, il Troyes è comunque matematicamente retrocesso, qualunque sia il risultato di questo incontro. Un disastro per l'Aubois, già reduce dalla Ligue 1 appena un anno fa. Saranno accompagnati da Quevilly-Rouen, Concarneau e Valenciennes.

In Nazionale, la Stella Rossa del partente Habib Beye torna in Ligue 2, proprio come Martigues. A 22 anni dalla sua ultima apparizione in Seconda Divisione, nel 2001-2002, il club provenzale, che aveva frequentato la D1 negli anni '90, precede solo di un piccolo punto lo Chamois Niortais, grazie a una vittoria alla fine contro il Nîmes (1-0).

Nella N2, l'Atletico Paris 13, che è davanti a La Roche-sur-Yon negli scontri diretti, ha convalidato la sua rimonta diretta, un anno dopo la sua discesa, vincendo ad Angoulême questo fine settimana (2-1). Si unisce ad Aubagne, Boulogne-sur-Mer e Bourg-Péronnas, tutte vincitrici di uno dei quattro gironi del Campionato. Quest'ultimo però, in grosse difficoltà finanziarie, ha buone probabilità di non superare l'esame DNCG e di restare sul banco degli imputati. Secondo Progressoil club di Bressan è oggi sull'orlo del fallimento, e lo avrebbe fatto « un piede nella fossa » secondo il suo presidente, Gilles Garnier. Se questa possibilità si verificasse, il club tornerebbe all'attuale livello delle sue riserve, in Regional 1, e il Villefranche Beaujolais avrebbe una possibilità di essere scelto.

Da parte sua, l'Aubagne si fonderà con altri due club delle Bocche del Rodano orientale, l'SC Air Bel e l'ES Pennoise. Il nuovo club, che si chiamerà Sporting Aubagne Air Bel Huveaune, punterà ad offrire un percorso di alto livello al nutrito bacino di giovani esistente nelle tre strutture. La fusione dovrebbe essere effettiva entro un mese.

Nazionale 2/Nazionale 3: una riforma dei Campionati ancora non completata

Nella Nazionale 2, ciascuno dei 4 gironi da 14 squadre ha 5 discese, nell'ambito di un'altra riforma che riduce la quarta divisione da 4 a 3 gironi. Retrocede anche il peggiore 9° posto, per un totale di 21 punti. 11 club risalgono dalla N3 e sommando le 4 salite per le 6 discese in Nazionale, il prossimo anno ci saranno un totale di 48 squadre in N2, rispetto alle 56 di quest'anno. Saranno divisi in 3 gironi da 16 squadre.

READ  Il Gran Quiz delle Regioni (ottavi di finale): Grand Est contro Auvergne-Rhône-Alpes

Le seguenti squadre giocheranno in N3 la prossima stagione: Alès (Gard), Thonon-Évian (Haute-Savoie), Chamalières (Puy-de-Dôme), Bourgoin-Jallieu (Isère), Toulouse FC B, Saumur (Maine-et- Loire), Romorantin (Loir-et-Cher), Avoine-Chinon (Indre-et-Loire), Trélissac (Dordogne), Angers SCO B, Racing CFF (Hauts-de-Seine), FC Lorient B, Borgo (Haute- Corsica), Vire (Calvados), EA Guingamp B, Colmar (Alto Reno), AJ Auxerre B, Mâcon (Saône-et-Loire), Besançon (Doubs), Saint-Quentin (Aisne) e Haguenau (Basso Reno) .

La Nazionale 3 è composta da 11 gironi, solo il primo viene promosso a Nazionale 2. È il caso delle seguenti squadre: Istres (Bouches-du-Rhône), Anglet (Pirenei-Atlantici), Poitiers (Vienne), Le Poiré-sur -Vie (Vendée), Locminé (Morbihan), Villers-Houlgate (Calvados) e le sue sei scalateChantilly (Oise), Balagne (Alta Corsica), Thionville (Mosella), Rumilly-Vallières (Alta Savoia), Saint-Priest (Rodano).

È interessante notare che con le discese delle riserve di Tolosa, Auxerre, Lorient, Guingamp e Angers, nessuna squadra B di un club professionistico giocherà in N2 la prossima stagione. Anche diverse squadre di riserva che giocavano in N3 sono state retrocesse nella Regionale 1, il che sicuramente alimenterà la riflessione sulla potenziale creazione di un campionato specificamente dedicato alle riserve professionistiche.

Tutti questi movimenti saranno effettivi dopo che i club saranno passati davanti alla Direzione Nazionale di Controllo e Gestione (DNCG).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *