Barça-PSG: Montjuic, lo stadio di Marie-José Pérec



Emmanuel Macron e Tony Estanguet avevano 14 anni e Inès Reg appena 15 giorni quando, il 5 agosto 1992, intorno alle 20,50 e nel caldo catalano, Marie-José Pérec divenne campionessa olimpica dei 400 metri a Montjuic. Incoronato un anno prima sulla stessa distanza durante i Mondiali di Tokyo, il guadalupano è arrivato a Barcellona come il logico favorito, con il miglior tempo della stagione.

Pérec, allora 24enne, era particolarmente attesa, un po' troppo per i suoi gusti. “La squadra francese contava molto su di me, c’era molta pressione e avevo l’impressione di non avere il diritto di rinunciare, ha spiegato Il gruppo. Ho passato dei momenti molto, molto difficili nel gestire tutto questo. Ho vinto soffrendo, ma ho vinto. »

Il giorno prima, poco prima di mezzanotte, aveva consumato un'ultima cena un po' barocca (pizza e coca cola) nel porto di Barcellona. Il grande giorno eccola nella corsia 5, la stessa occupata da Colette Besson in Messico nel 1968, con l'oro alla fine del giro. Olga Bryzgina (CEI), detentrice del titolo olimpico, e la colombiana Ximena Restrepo sono partite meglio di Pérec. La francese accelera, ma Bryzgina è ancora in testa all'inizio del rettilineo finale: “Ero così lucido che ho usato le ombre dei miei concorrenti per vedere dove fossero. Per nove passi smetto di respirare, torno a Ola e mi impongo. »

READ  I Bleus con la Danimarca nella fase a gironi delle Olimpiadi di Parigi

“Il mio record è pulito, è il miglior periodo della storia”

Marie-José Pérec dopo la finale

Record francese (48''83), primo tempo sotto i 49 secondi e primo titolo olimpico davanti a Bryzgina (49''05) e Restrepo (49''64). “In effetti avevo solo paura di me stessa, di non svegliarmi, di perdere la mia corsa, Pérec lo confidò molti anni dopo. All'inizio della finale sono inciampato, pensavo davvero che mi sarei rotto la faccia. Nessuno ha mai voluto credermi. »

Subito dopo la finale, la guadalupana punta i piedi menzionando il record del mondo della tedesca Marita Koch (47''60, stabilito nel 1985 e tuttora in vigore): “Per me questo record non conta, il mio record è mio, è il miglior tempo della storia, i tempi prima non esistono. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *