Benjamin Toniutti, capitano della squadra francese e vincitore della Società delle Nazioni: “Dobbiamo essere orgogliosi del nostro percorso”



“La squadra francese ha appena vinto la sesta finale, delle sette disputate dal 2015. Ma sembra che non le conti…
Le vittorie sono tutte diverse e, come atleta, rimuovi questo sistema statistico. Quello che ho detto ai ragazzi prima del video è che dobbiamo essere orgogliosi del nostro percorso, è stato duro, senza due giocatori importanti (Earvin Ngapeth e Bartolomeo Chinenyeze). Abbiamo giocato quindici partite in un mese (11 vittorie, 4 sconfitte), con viaggi schifosi, e ognuno ha portato qualcosa, ad ogni tappa. È una buona base per la preparazione ai Giochi Olimpici. Quello che ho detto è anche che sfrutteremo al massimo questa sera (domenica), avremo quattro giorni (prima del corso di preparazione ai Giochi, che inizierà venerdì a Saint-Nazaire), e appena ci incontreremo di nuovo faremo cambio, perché non siamo affatto favoriti. La competizione è incredibile e il livello è molto serrato. Non abbiamo margine.

“Ci sono stati momenti in cui abbiamo vinto questa competizione e poi siamo crollati. Quindi dobbiamo pensare subito ai Giochi”

Un po’ psicologico lo stesso, in quanto vincitore della Società delle Nazioni?
No, perché ci è capitato di vincere questa competizione e poi crollare. E le altre squadre arriveranno preparate. Quindi dobbiamo pensare subito a preparare i Giochi, perché abbiamo lavorato bene e dobbiamo continuare a farlo.

READ  Sead Kolasinac, giocatore dell'Atalanta Bergamo: "Aubameyang non è l'unico pericolo dell'OM"

Hai riconquistato l’altissimo livello mondiale, ma anche la tua identità. È stato meno facile lavorare?
Ho l’impressione che ci sia stato un cambio nel secondo fine settimana, contro l’Italia (5 giugno a Ottawa, Canada, 3-2). Una vittoria importante contro una grande squadra che non perdeva molte partite. Senza Babar (Barthelemy Chinenyeze) non Earvin (Di Pete), di nuovo. Ha dato qualcosa alla squadra. Ci aiuta quando giochiamo con questa rabbia, questa aggressività, questa determinazione. Anche sul fatto che ognuno deve contribuire con qualcosa…

Hai ancora bisogno di un clic?
Sì, alle Olimpiadi era contro la Russia (nel 2021, nella fase a gironi). Ci sono momenti chiave, ma il livello di gioco è stato buono. Nella finale di oggi è stata una partita un po’ strana, sentivamo che entrambe le squadre erano stanche. Due squadre che difendono tanto, giocano tecnicamente, è molto divertente giocare contro i giapponesi, ci siamo divertiti ogni volta (Sconfitta per 2-3 il 22 giugno a Manilanelle Filippine).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *