Benjamin Toniutti e Jean Patry campioni di Polonia con Jastrzebski



In Polonia le stagioni si susseguono e si assomigliano: a sorridere, alla fine, è sempre Benjamin Toniutti. Domenica pomeriggio, la felicità del passante e capitano dei Blues è stata addirittura doppia da quando ha vinto il campionato polacco – il quinto già dal suo arrivo nel 2015 – con il suo complice campione olimpico in prima linea nella selezione e nello Jastrzebski, Jean Patry. L'ex residente a Montpellier, come il giorno prima, è arrivato capocannoniere (17 punti, 16/34 attacchi, 1 muro) nella terza partita di una finale ipertensiva (3-1: 25-19, 21-25, 25-23, 25-18) contro Zawiercie, già vincitore della Coppacon la sua coppia di ricevitori della nazionale francese, Trévor Clévenot (10 punti, 47% in ricezione) e Thibault Rossard, che non sono entrati in gioco.

Nonostante un primo successo nell'andata in casa dell'avversario (3-0), il campione uscente della PlusLiga ha comunque temporeggiato al ritorno, sabato in casa, bloccandosi nel primo e nel quarto set (1-3: 25-27, 25 -22, 19-25, 23-25) ed è stata quindi costretta a giocare una partita di supporto nella serie finale.

Tuttavia, questo è il secondo titolo importante per club per Jean Patry, già vincitore della Challenge Cup (C3) con il Milan nel 2021. E forse non l'ultima di questa stagione: prima di tornare tra i Blues per la preparazione olimpica ai Giochi di Parigi, il duo ha appuntamento con la gran finale di Champions League, il 5 maggio ad Antalya, contro gli italiani di Trento. Già vincitore nel 2021 con un altro club polacco, il Kedzierzyn-Kozle, Toniutti punta a una nuova incoronazione per non lasciare più Hubert Henno l'unico doppio vincitore francese della C1, con Paris (2001) e Tours (2005).

READ  Philippe Bozon, dopo la vittoria della Francia contro la Slovenia: “Ci aspettavamo una partita difficile”



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *