Bill Gates avanza verso i reattori nucleari di prossima generazione


L’energia nucleare, una tecnologia un tempo acclamata per il suo potenziale infinito, ha visto il suo sviluppo rallentare negli Stati Uniti a causa di vari ostacoli economici, normativi e tecnologici. Tuttavia, una nuova speranza sta emergendo grazie agli sforzi di TerraPower, un'azienda fondata da Bill Gates, che mira a rivoluzionare questo settore con reattori di nuova generazione. Questa iniziativa potrebbe non solo rivitalizzare l’energia nucleare, ma anche offrire una soluzione praticabile all’attuale crisi climatica.

Sfide storiche

Fin dalla sua crescita iniziale, l’industria nucleare americana è stata segnata da numerose sfide. I primi reattori ad acqua pressurizzata, sviluppati più di 40 anni fa, sono stati i pilastri della produzione di energia nucleare. Tuttavia, la costruzione e la manutenzione di queste centrali elettriche si sono rivelate estremamente costoso. Oltre ai costi di costruzione iniziali, anche i costi operativi, i prezzi del carburante e i costi di ingegneria hanno avuto un impatto pesante su questo settore.

Un altro ostacolo importante è stato il gestione dei rifiuti nucleari. Negli Stati Uniti, la maggior parte viene immagazzinata in serbatoi situati in siti di proprietà del Dipartimento dell'Energia. Questi metodi di stoccaggio temporaneo pongono quindi sfide alla sicurezza a lungo termine e sono fonte di continua preoccupazione per le autorità di regolamentazione e il pubblico.

Infine, anche l’industria nucleare ha subito un duro colpo l'incidente di Three Mile Island nel 1979. Quest’ultimo portò all’introduzione di nuove misure di sicurezza e requisiti di ammodernamento, rallentando notevolmente la costruzione di nuovi reattori. All’epoca erano in costruzione 51 reattori, ma i ritardi normativi e l’aumento dei costi portarono alla cancellazione di molti progetti. Da allora, dal 1978, sono state avviate solo due nuove centrali elettriche, riflettendo la crisi in cui è caduta questa industria.

READ  Il Pentagono voleva decodificare le navi aliene
centrale nucleare energia nucleare
Crediti: alcfeoh21 / iStock

L'iniziativa TerraPower: reinventare l'energia nucleare

Di fronte a queste sfide, Bill Gates fondò TerraPower nel 2008 con l’ambizione di sviluppare reattori nucleari di nuova generazione. Il reattore Sodio è al centro di questa iniziativa. A differenza dei tradizionali reattori ad acqua pressurizzata, il Natrium utilizza principalmente acqua sodio liquido come fluido termovettore, che presenta numerosi vantaggi.

Questo composto infatti mostra a punto di ebollizione più di otto volte superiore a quello dell'acqua, che permette di assorbire più calore dal nucleo nucleare mantenendo una pressione costante. Inoltre, in caso di perdita di potenza, il sodio continua ad assorbire calore senza raggiungere temperature pericolose, riducendo così il rischio di fusione. Questa tecnologia promette quindi non solo maggiore sicurezza, ma anche maggiore efficienza.

Un altro grande vantaggio dei reattori al sodio è la loro integrazione con un sistema di accumulo dell'energia che utilizza sali fusi. Questo sistema può immagazzinare fino a un gigawattora di energia, offrendo la flessibilità necessaria per adattare la produzione di elettricità in base alla domanda. Questa capacità è essenziale per integrare le fonti di energia rinnovabile, come quella solare e quella eolica, che sono di natura intermittente.

Un progetto promettente, ma ancora dibattuto

Questo progetto di reattore nucleare di nuova generazione di TerraPower ha recentemente raggiunto una pietra miliare simbolica con il ricevimento di un permesso di costruzione per la revisione. Bill Gates, da parte sua, spera di averlo fatto un reattore operativo a Kemmerer, nel Wyoming, entro il 2030. Questo sviluppo richiederà una collaborazione tra il settore privato e i governi supportata dal programma dimostrativo di reattori avanzati del Dipartimento dell’Energia.

READ  Potrebbero aver filmato il primo calamaro colossale

Infine, va notato che, nonostante l'entusiasmo di Bill Gates, permane scetticismo riguardo all'efficienza e alla sicurezza dei reattori Natrium. Secondo l’Unione degli scienziati interessati, questi reattori potrebbero effettivamente presentare sfide e potrebbero non ridurre le scorie nucleari come previsto. Il futuro dell’energia nucleare negli Stati Uniti rimane incerto, ma trovare alternative ai combustibili fossili è fondamentale per combattere il cambiamento climatico.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *