Brooks Koepka intitolato a Singapore



Brooks Koepka apre il suo conto questa stagione sulla LIV. In difficoltà il mese scorso all'Augusta Masters, dove aveva concluso al 45° posto, l'americano, che sette giorni fa ad Adelaide aveva concluso al 9° posto, ha confermato la sua reazione questa settimana sul circuito finanziato dall'Arabia Saudita. In effetti, il vincitore di cinque Major ha vinto con autorità a Singapore. In testa alla fine del secondo turno, il 34enne non ha mai lasciato la presidenza questa domenica.

Il suo unico spauracchio, concesso a 9, è stato immediatamente controbilanciato dal suo terzo birdie della giornata, raccolto alla buca numero 10. Successivamente, il Floridian è rimasto solido, e ha persino convalidato un birdie finale a 15 per assicurarsi una carta di 68 e dirigersi verso la vittoria. (-15 in totale). Koepka ha così ottenuto il suo quarto successo nella LIV. È il primo giocatore a raggiungere questa prestazione.

Smith ha provato a tornare indietro

Il secondo posto (-13 totali) è occupato dal duo australiano composto da Marc Leishman e Cameron Smith. Quest'ultimo ha provato di tutto per raggiungere il leader ma il suo superbo punteggio di 64 (otto birdie, un bogey) non è bastato. Talor Gooch è arrivato solo 4° (-12). Tyrrell Hatton e Thomas Pieters si sono poi classificati al 5° posto (-11). Dustin Johnson, Joaquin Niemann e Kevin Na seguono in settima posizione (-10).

READ  Joan-Benjamin Gaba, medaglia di bronzo agli Europei: “Mi dà ancora più fiducia in me stesso”

La top 10 è completata da quattro giocatori che condividono il 10° posto (-9 in totale). Troviamo Eugenio Chacarra, Abraham Ancer, Adrian Meronk e Jon Rahm. Lo spagnolo ha concluso il suo torneo questa domenica registrando un punteggio di 67 (cinque birdie, uno spauracchio). Più avanti, anche Phil Mickelson ha completato il percorso in 67 tiri (otto birdie, due bogey, un doppio bogey) per salire al 22° posto (-6).

A livello di squadra, Ripper GC ha vinto (-32 in totale), davanti a Fireballs FC e Cleeks GC (-29).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *