Caduto da Istres in finale, Tremblay viene incoronato campione francese della Proligue



L'Istres ha lottato ma non ha potuto impedire al Tremblay-en-France di vincere la finale della Proligue, questa domenica a Sélestat (32-28), che ha così permesso agli abitanti dell'Ile-de-France di essere incoronati campioni di Francia D2.

Tremblay aveva già la certezza di tornare nella Starligue la prossima stagione, grazie al suo primo posto alla fine della stagione regolare, una stagione intera da quando i compagni di squadra di Cyril Dumoulin (40 anni) hanno accumulato 29 vittorie contro 1 sconfitta. Raggiungendo la finale, anche l'Istres (2° nella stagione regolare) è stato, infatti, garantito il ritorno all'élite per quella che potrebbe essere l'ultima stagione da allenatore di Gilles Derot.

Vincent Gérard (37 anni) non sarà presente poiché il portiere della nazionale ha deciso per tracciare una linea sotto la sua carriera alla fine di questo esercizio. Questa domenica è stata la sua ultima partita con il club. Nonostante le sue 13 parate (al 35%), il campione olimpico 2021 (ma anche europeo nel 2014, mondiale nel 2017) non sarà riuscito a portare Istres al successo e quindi al titolo di campione D2, uno dei pochi che non otterrà aver vinto. Eterno concorrente, è rimasto immobile, le mani sui fianchi dopo il fischio finale.

READ  Bradel Kiwa deve unirsi all'AS Monaco

Ma ha saputo trattenere la delusione per rispondere all'invito del relatore della sala Sélestat. “Congratulazioni a Tremblay, hai dominato il campionato a testa e spalle, sei stato il migliore” ha esordito dicendo. Prima di ringraziare il club dell'Istres dove è tornato (dopo un'esperienza dal 2008 al 2010), all'inizio di febbraio, quando Kiel aveva deciso di non tenerlo mentre tornava da un'operazione di pubalgia. “Quando sono arrivato ero messo davvero male e mi avete accolto” confidò con la voce tremante per l'emozione. “Hai fatto tutto per me, non potrò restituirti quello che mi hai dato. » L'accordo era che il portiere avrebbe aiutato l'Istres a raggiungere questa Final Four di Proligue, per puntare a un ritorno nell'élite, e che il club gli avrebbe permesso di giocare, di ricostruirsi fisicamente e mentalmente per pretendere di partecipare alle Olimpiadi di quest'estate.

“Ecco, stai tranquilla, smetto, te lo prometto”

Vincent Gérard all'attenzione del corpo arbitrale con il quale ha spesso litigato

La scommessa sta per avere successo poiché il miglior portiere delle Olimpiadi del 2021 è tra i 35 giocatori selezionati da Guillaume Gille per iniziare la preparazione olimpica il 20 giugno a Tignes. “Spero che possiate vedermi in TV quest’estate, ci sto lavorando” ha lanciato Vincent Gérard al pubblico a Sélestat, cittadina a 200 chilometri da Woippy (alla periferia di Metz) dove è nato. “Sono contento di finire a Sélestat, non lontano da casa mia in Mosella, ho iniziato dal palo dello Strasburgo e anche se c'è stato qualche fischio (questo fine settimana) Mi sono sempre trovato bene in Alsazia» ha detto il giocatore che indossa la maglia numero 57 del suo reparto di origine. Alla fine, in un batter d'occhio, questo concorrente accanito al punto da irritarsi talvolta con il corpo arbitrale si è rivolto agli arbitri: “Ecco, stai tranquilla, mi fermo, te lo prometto!” »

READ  Il profilo della 9a tappa del Giro 2024 tra Allezzano e Napoli

Sebbene prudente quando Vincent Gérard è arrivato a febbraio, Thomas Tesorière ha imparato a scoprire l'uomo dietro il concorrente. “Abbiamo criticato molto Vincent nel mondo della pallamano, spesso a torto perché è un ragazzo eccezionale. Ha mostrato molta umiltà. Spero che quest’estate avrà la ciliegina sulla torta” ha salutato il capitano dell'Istres al microfono di beIN Sports.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *