Campioni provenienti dal lato nascosto della Luna sono arrivati ​​sulla Terra


Dopo circa due mesi nello spazio, la capsula della missione Chang’e 6 è tornata sulla Terra, trasportando circa due chili di campioni prelevati dal lato nascosto della Luna. Questa è la prima volta.

Una missione storica

La missione Chang’e 6guidato dalla Cina, segna un punto di svolta nell’esplorazione lunare concentrandosi sul lato nascosto della Luna, una regione ancora in gran parte inesplorata.

Mentre altre nove precedenti missioni lunari, tra cui le famose missioni Apollo della NASA e alcune sonde robotiche sovietiche, hanno riportato campioni lunari, tutte queste missioni li hanno prelevati dal lato visibile della Luna. Questa situazione ha quindi lasciato una lacuna significativa nella comprensione scientifica della Luna, perché le due parti hanno caratteristiche molto diverse.

Nel dettaglio, il lato visibile della Luna, che vediamo dalla Terra, è in gran parte ricoperto da “maria”, pianure di lava solidificata che formano zone scure e lisce. Al contrario, il lato nascosto della Luna è fortemente segnato da crateri da impatto, quasi senza mari.

Questa disparità ha sconcertato gli scienziati per decenni. Perché i due lati della Luna sono così diversi? Quali sono le condizioni geologiche e gli eventi storici che hanno portato a queste differenze? Chang’e 6 è stato progettato specificatamente per contribuire a rispondere a queste domande cruciali.

Campioni cinesi di lander lunare del lato oscuro
Questa immagine del Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA mostra il lander cinese il 7 giugno 2024. Crediti NASA/GSFC/Arizona State University

Dettagli della missione

La sonda Chang’e 6 è stata lanciata dall’isola di Hainan il 3 maggio. Il 1° giugno il lander si è poi staccato dall’orbiter prima di atterrare nel cratere Apollo, situato nel bacino Polo Sud-Aitken. Questo bacino, uno dei più grandi crateri da impatto sulla Luna, è considerato un sito di grande interesse per gli scienziati per le sue dimensioni e la posizione nella regione del polo sud.

READ  Gli Stati Uniti sono appena cresciuti di un milione di chilometri quadrati

Il 6 giugno, un veicolo di risalita ha poi lanciato i campioni raccolti (circa due chili) dalla superficie lunare per agganciarli all’orbiter. Quest’ultimo poi aveva iniziato il suo viaggio di ritorno sulla Terra il 21 giugno. All’inizio di questo martedì, la sonda è finalmente atterrata Mongolia continentaleuna regione situata nell’estremo nord della Cina.

I campioni verranno ora trasportato ad un laboratorio di Pechino per l’esame. Si noti che Chang’e-6 trasportava anche diversi strumenti scientifici, tra cui uno strumento per l’analisi spettrale dei minerali e un rilevatore di strutture per analizzare il suolo sotto la superficie della Luna. La missione comprendeva anche diversi carichi utili internazionali, tra cui un rilevatore di radon francese, un analizzatore di ioni negativi sviluppato dall’Agenzia spaziale europea (ESA) e un riflettore angolare laser italiano.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *