Capucine Viglione e Manon Lebon si sono qualificate per le Olimpiadi di Parigi 2024 nello speed climbing



Lacrime di felicità scorrevano larghe ai piedi del muro ungherese. Capucine Viglione e Manon Lebon vivranno la loro prima Olimpiade quest’estate, a Parigi. Entrambi sono stati eliminati ai quarti di finale questo sabato a Budapest, poche ore dopo la qualificazione di Mejdi Schalck e Sam Allez nella finale della combinata boulder/difficoltà. Ma la coppia ha accumulato abbastanza punti nelle due serie di qualificazione olimpica per convalidare il loro posto alle Olimpiadi.

Nessun record francese questa volta per Viglione, come a Shanghaiun mese prima, ma la cosa principale è altrove. “Finalmente respiro, respiro profondamente, sbottò il campione francese in carica. Sono veramente felice. È stato un allenamento duro, gare dure. Credo che mi prenderò una settimana per capire e poi ricomincerò ad allenarmi, questo è quello che volevo fare durante la mia estate. Non volevo immaginarlo in nessun altro modo. Scendendo dalla corsa, pensavo che non stesse succedendo, era orribile, non riuscivo a respirare. E lì, mi hanno detto che ero qualificata, ho continuato a piangere perché se non piango, c’è qualcosa che non va in me. Manon (Bene) è troppo forte, rappresenteremo la Francia insieme e ci alleneremo quest’estate, è così bello. Non vedo l’ora di provare tutto questo. »

“Ho così tanta difficoltà a realizzare cosa sta succedendo, un tale turbinio di emozioni che non riesco a spiegarlo abbastanza., sorride Manon Lebon. Sono così felice e allo stesso tempo mi dico che non è possibile, sono come in un sogno. Penso che mi ci vorrà una buona settimana per realizzarlo, probabilmente rivedendo la mia famiglia (all’incontro). Per un mese ci sarà allenamento, allenamento, allenamento per arrivare a Parigi. Resta ora da completare la seconda parte del percorso. Non vedo l’ora di essere ai Giochi: ci vado per giocarmi la mia carta, andiamo tutti lì per il podio. »

READ  "Abbiamo avuto un ultimo minuto pazzesco", afferma Valentin Porte (Montpellier)

Per gli uomini, Bassa Mawem, vincitore del torneo europeo di ottobre, quest’estate sarà l’unico rappresentante francese a Le Bourget e vivrà quindi la sua seconda Olimpiade dopo quelle di Tokyo. Il team francese di velocità ha quindi qualificato tre scalatori su quattro possibili.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *