Carlos Alcaraz dopo la qualificazione alla finale del Roland-Garros: “Mentalmente sono più forte”



Questa partita è stata molto intensa, il livello altissimo… La chiave è che ho saputo cogliere le occasioni al momento giusto. Sono molto contento di aver pareggiato dalle mie vecchie partite, dove potevo stare meno bene a livello mentale e pagarne le conseguenze. L'ho usato in questa semifinale, ero sempre positivo, forte nella mia testa. Ne sono orgoglioso.

Come l'anno scorso in semifinale contro Novak Djokovic, hai avuto nuovamente crampi. Come hai gestito la situazione questa volta?
Non erano forti come l'anno scorso. Ma mentalmente sono più forte. So come gestire questo tipo di situazione. So che quando avrò i crampi, se rimango in partita, andranno via. So cosa devo fare in questi momenti specifici. Quando ho un crampo devo resistere e abbreviare gli scambi. Questo è quello che ho fatto, ho gestito la cosa molto meglio.

Dopo aver perso il primo set, cosa hai mantenuto per restare in partita?
Sapevo che sarebbe stata una lunga battaglia. È un Grande Slam, aveva ancora due set da vincere. Sono rimasto positivo. Avevo alcuni pensieri in testa, come giocare con palline più alte del 50%. Dovevo essere più aggressivo di lui perché all'inizio della partita controllava tutto, non potevo destabilizzarlo.

READ  Rafael Nadal eliminato dall'inizio da Alexander Zverev al Roland-Garros

Questa semifinale è stata vista come una finale prima del tempo. Come affronterai la vera finale contro Alexander Zverev (in programma domenica)?
Non la pensavo così. È una grande vittoria, sì, ma una vittoria in semifinale. Guardo alla finale. Sarà molto difficile, tatticamente dovrò giocare molto bene. Sasha (Zverev) ha un servizio eccellente sulla terra, colpi molto solidi. So che sarà molto complicato. Ma una finale Slam non può che essere complicata. Mi resta solo un passo. Spesso mi ripeto una frase: “Le finali non sono fatte per essere giocate, sono fatte per essere vinte”. Avendo questa mentalità, posso avere in mente l'immagine di me con il trofeo. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *