Caroline Garcia dopo la vittoria contro Eva Lys al primo turno del Roland-Garros: “Si gioca anche con le proprie emozioni”



“Dopo la vittoria in tre set contro Eva Lys, è il sollievo a prevalere?
No, sono solo molto contento della vittoria, di questa partita che è stata difficile. Dovevamo trovare soluzioni e rimanere combattivi.

C'era un po' di pressione per iniziare il Roland-Garros davanti al pubblico di casa?
Ogni Grande Slam è speciale, il Roland-Garros lo è ancora di più. C’è pressione dall’esterno, ma anche da parte mia voglio fare bene. So di essere pronto per iniziare il torneo, ma dopo la competizione è sempre diverso. Giochi anche con le tue emozioni, perché sono felice di essere lì e voglio fare bene quindi ovviamente c'è pressione.

Dove vedi il punto di svolta della partita?
A metà del secondo set ho iniziato a giocare meglio. Anche lei inizia a darmi qualche punto perché all'inizio della partita non mi dava davvero molto (ride). Durante la prima partita sul 5-4, rompo, avanzo molto di più nei tiri, gioco molto di più con il corpo, tranne che poi mi rompo (ride). Quindi è stato meno positivo, ma sono rimasto positivo e sono tornato con una buona partita.

READ  Stéphanie Frappart evacuata dalla polizia dopo una partita movimentata nella finale di Coppa di Grecia

« So che perderò delle partite e questo fa parte dello sport, ma voglio lasciare il campo senza rimpianti »

Su quali elementi fai affidamento per continuare ad andare avanti?
Nel corso dei miei 12 anni di carriera (ride). So di avere dei punti forti nel mio gioco, che sono pronto fisicamente e che il tennis può oscillare su ogni punto. So che perderò le partite e questo fa parte dello sport, ma voglio uscire dal campo senza rimpianti e dicendo a me stesso che ho giocato la mia partita.

Gli spazi del campo Philippe-Chatrier non erano molto pieni nonostante la bella atmosfera sugli spalti. Potrebbe essere un po' frustrante?
Il bel clima mi ha spinto, ovviamente anche con il tetto chiuso è un vantaggio. Non so quanta gente fosse presente sugli spalti, del resto è la prima giornata del torneo. Mi piacerebbe giocare davanti allo stadio pieno? Si ovviamente ma non dipende da me e sono già molto felice di aver giocato al Chatrier con una bellissima atmosfera, i miei cari e i miei amici dietro. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *