Caso di riciclaggio: la Procura presenta ricorso dopo l'assoluzione di Saïd Chabane



Il caso di riciclaggio di denaro che riguarda Saïd Chabane e altri non è stato definitivamente chiuso. Secondo le nostre informazioni, la procura di Bobigny ha deciso di ricorrere in appello contro la decisione emessa il 28 maggio, con cui Saïd Chabane, proprietario ed ex presidente di Angers-SCO, è stato pienamente assolto. Dovrà quindi comparire davanti alla Corte d'appello di Parigi.

Contattata da noi, la Procura di Bobigny conferma l'informazione e segnala di sì « ha presentato ricorso sull'intero sistema penale contro tutti gli imputati, ad eccezione di un'assoluzione pronunciata nei confronti di un imputato, implicato in via periferica e rispetto al quale i carichi apparivano effettivamente più fragili ».

Bisogna quindi capire che il ricorso riguarda Chabane ma anche Jalal Benalla, ex reclutatore della SCO e l'unico condannato dal tribunale (a un anno e mezzo di reclusione con condizionale oltre all'interdizione dall'esercizio della professione di agente sportivo per un anno), Lasana K., il procuratore e Abdelkader K., lo scout. Ma non Abdelkader C., manager e reclutatore.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *