Casper Ruud avanza tranquillamente al secondo turno del Roland-Garros



È arrivato solo pochi giorni fa da Ginevra dove lui ha vinto il titolo, Casper Ruud ha dovuto accontentarsi di un allenamento minimo sui campi del Roland-Garros. Ma conosce questi tribunali a memoria. In effetti, è stato il giocatore più costante lì per due anni, con le sue due finali giocate contro Rafael Nadal e Novak Djokovic.

Al contrario del modesto brasiliano Felipe Meligeni Alves (137°, 26 anni), Ruud ha disputato una partita solida e senza troppe emozioni (un po' il suo marchio di fabbrica). Impeccabile nella copertura del campo e negli spostamenti del dritto, ha anche aggiunto al tennis una certa dose di aggressività che non ha più prove da dimostrare sulla terra.

Puntando soprattutto su un servizio molto efficiente (una sola palla break da difendere nel corso della partita, 89% di prime palle e 80% di punti dietro), il numero 7 del mondo si è offerto una qualificazione tranquilla al secondo turno dove giocherà incontra il vincitore della partita tra Valentin Vacherot e Alejandro Davidovich Fokina.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *