Chi è l’uomo vivente più alto del mondo?


Sultan Kösen, nato all’inizio degli anni ’80 in Turchia, è secondo il Guinness dei primati l’uomo vivente più alto del mondo con i suoi 2,51 m. Ed è un cuore da prendere.

Sultan Kösen è nato il 10 dicembre 1982 da genitori di etnia curda in una cittadina chiamata Mardin, una delle città più antiche della Turchia sudorientale (patrimonio dell’UNESCO). Ha avuto una tipica prima infanzia in campagna, poi ha iniziato un’incredibile crescita all’età di 10 anni. Il resto della sua famiglia, compresi i suoi genitori e quattro fratelli, è di statura media.

Molto rapidamente diventa chiaro che la crescita unica di Sultan è causata da una malattia nota come  » gigantismo ipofisaria « che risulta da a sovrapproduzione di ormoni della crescita rilasciato dalla ghiandola pituitaria (nel cervello). Ciò si verifica generalmente a causa della presenza di un tumore allo stesso livello.

A causa della sua estrema altezza, Sultan Kösen rifiuta di completare gli studi e inizia a lavorare come contadino per sostenere la sua famiglia che fatica ad arrivare a fine mese.

Crescita dell’immagine, Depositphotos

Nuova statura

La sua vita cambiò definitivamente nel 2009 con l’ufficializzazione del suo record da parte della Libro dei Guinness. Con i suoi 2,51 metri diventa l’uomo vivente più alto del mondo.

Si noti che Sultan Kösen detiene anche il record per le mani più grandi, ciascuna di misura 28,5 cm dal polso alla punta del dito medio. In precedenza deteneva anche il record per i piedi più grandi. La sinistra misura 36,5 cm, mentre la destra misura 35,5 cm.

Sultan Kösen, l'uomo più grande del mondo
Crediti: Guinness World Records.

L’esibizione della sua nuova statura avrà consentito a Sultan di beneficiare di a intervento chirurgico gratuito permettendoti di risolvere i tuoi problemi ormonali grazie ai medici dell’Università della Virginia. Per fare ciò, hanno effettuato a Chirurgia Gamma-Knife per estrarre il tumore sviluppato sulla sua ghiandola pituitaria. Nel 2012, la facoltà di medicina ha finalmente confermato che questi sforzi terapeutici avevano avuto successo. Da allora, Sultan ha smesso di crescere.

READ  Scoperta una bambina di Neanderthal affetta da sindrome di Down

Nel frattempo, Sultan è stato nominato ambasciatore culturale della Turchia, nella speranza che possa migliorare il turismo nella regione. È stato anche invitato a recitare in numerosi film di Hollywood. Nel 2016, ha accettato il suo primo ruolo cinematografico in Raggiungere l’impossibile.

Sultan Kösen, l'uomo più grande del mondo
Sultan prende parte a un servizio fotografico per il libro Guinness World Records. Crediti: Guinness dei primati.

Già nel 2000 l’uomo vivente più alto del mondo aveva espresso la speranza che la sua ritrovata fama lo aiutasse a trovare moglie. Il suo desiderio è stato esaudito qualche mese dopo con l’incontro di Merve Dibo (1,75 m), presentato tramite un amico comune. La coppia si è sposata nell’ottobre 2013 e poi si è stabilita a Dede köy. Alla fine hanno divorziato nel 2021. Da allora, Sultan ha cercato di nuovo l’amore.

In conclusione, la vita del sultano Kösen è una storia eccezionale di sfide e trionfi. Dalla sua umile infanzia in Turchia fino al riconoscimento mondiale come l’uomo più alto del mondo, Sultan ha affrontato le difficoltà imposte dal suo gigantismo con notevole resilienza. L’ufficializzazione del suo record da parte del Guinness World Records nel 2009 non solo ha trasformato la sua vita dandogli visibilità internazionale, ma ha anche consentito progressi medici cruciali per la sua salute. In qualità di ambasciatore e attore culturale della Turchia, Sultan ha sfruttato la sua statura unica per promuovere il suo Paese e ispirare gli altri. Nonostante le prove personali, compreso il recente divorzio, Sultan rimane ottimista e continua a cercare l’amore e la felicità. Il suo viaggio illustra non solo la capacità umana di superare gli ostacoli, ma anche l’importanza della comunità e del sostegno nel raggiungimento del benessere e della realizzazione personale.

READ  Una stella nella Via Lattea lampeggiava a più di 2,3 milioni di km/h





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *