Chi sono i quattro francesi dell'Almere City, promossi a sorpresa in Eredivisie?



Non si tratta solo di Ajax, PSV Eindhoven o Feyenoord in Olanda. All'ombra dei tre colossi che dal 2011 monopolizzano i titoli del campionato di Eredivisie, ci sono anche grandi storie, come quella vissuta dall'Almere City. Questo piccolo club nato nel 1997, situato alla periferia di Amsterdam e fondato su un polder costruito circa cinquant'anni fa, sta vivendo la prima stagione della sua storia nella D1 olandese. E potrebbe continuare in caso di successo a Heerenveen, questo venerdì sera (20), nel suo piccolo stadio da 5.000 posti, sempre pieno di tifosi entusiasti.

Questa piccola impresa che sta per realizzarsi è anche opera di quattro francesi, che quest'anno hanno scoperto l'élite olandese, attratti da un club sconosciuto al pubblico francese. Spiegano la loro esperienza.

Thomas Robinet, dall'ombra della Nazionale all'efficienza fenomenale

A 27 anni, è il più esperto della colonia francese e senza dubbio quello il cui arrivo è stato il più inaspettato. Formatosi nel Sochaux, con cui ha vissuto la Ligue 2, Thomas Robinet è stato titolare della Nazionale (Villefranche, Laval, Châteauroux, Nancy) e l'attaccante ha segnato almeno 8 gol in ogni stagione. “Per me l’opportunità è stata straordinaria” si entusiasma. Dalla scorsa estate, ha raggiunto l'11 nel sesto campionato più duro d'Europa, diventando il capocannoniere del club e uno dei più grandi marcatori francesi all'estero.

Una prestazione tanto più notevole in quanto ha segnato la maggior parte dei suoi gol in un ruolo nuovo e più remoto, quello del numero 10. « L'allenatore (Alex Pastore) voleva mettermi alla prova in questa posizione in cui dovevo difendere come centrocampistaricorda Robinet, inizialmente sorpreso da questo compito. Le prime due partite che abbiamo giocato le abbiamo vinte e ho segnato ogni volta. È iniziata una serie di partite nel mezzo. Ho dovuto fare metà e metà in questa stagione tra attacco e centrocampo, anche se rimango un numero 9 puro. »

Al di là del calcio e del suo ruolo in Griezmann, l'ex Sochalien si sta divertendo molto con i Bataviani. “È stata un'opportunità per far conoscere alla mia famiglia un'altra cultura, per imparare l'inglese, per vivere in modo diverso, apprezza. E qui, per gli attaccanti, è interessante perché va molto veloce, è molto intenso. »

READ  La UEFA svela i trofei del migliore in campo e del capocannoniere di Euro

Yoann Cathline, il prestito che salta all'occhio

È l'unico del gruppo ad aver davvero assaporato la Ligue 1. Era la scorsa stagione, e Yoann Cathline aveva giocato 23 volte nell'élite con il Lorient, metà delle quali da titolare. L'estate scorsa il Merlus ha fatto la scelta sorprendente di allestire una rosa senza ala. Quindi, per continuare a guadagnare terreno, il 21enne è andato in prestito (senza diritto di riscatto) all'Almere, sedotto dalla sua esplosività e dalla sua forte capacità di eliminazione, e in cambio il City gli ha offerto visibilità nel campionato che segue la Francia nel campionato Indice UEFA.

Ma gli inizi non furono facili. “Ho iniziato solo una partita nella prima parte della stagione, è stato complicato ma Ho progredito sull'aspetto mentale », afferma il giocatore che è passato da Guingamp. E poi tutto cambia a metà dicembre, quando scatta qualcosa contro il Vitesse (5-0): segna un gol e conquista un posto nell'undici che non avrebbe mai lasciato andare. « Adesso mi viene chiesto di assumermi più responsabilità, perché sono diventato un giocatore molto importante nella squadra »riferisce.

Oggi ha 6 gol, alcuni dei quali segnati anche grazie ad exploit individuali, e 4 assist in tutte le competizioni. Un bel track record acquisito in un ruolo che alterna un ruolo di pistone non proprio fatto per lui ma al quale si adatta e quello di ala, che corrisponde al suo profilo. Le sue prestazioni gli sono valse il seguito di PSV, Feyenoord e Utrecht.. “Sto prosperando in questo momento nei Paesi Bassi. E so che lo sarò se continuo a farlo. »

Loïc Mbe Soh, freelance di successo

Anche con lui l'Almere City sperava di contare sul prestito di un giovane dal grande potenziale desideroso di fare un passo avanti. Dopo un periodo di sei mesi di successo al Guingamp (L2) nella prima metà del 2023, il muscoloso difensore centrale del Nottingham Forest, rallentato da un infortunio durante la preparazione, è arrivato alla fine del mercato estivo. “Volevo essere una continuazione di ciò che avevo fatto all'EAG, essere questa stagione in un campionato superiore alla L2, giustifica il vecchio titi parigino. Ne sono molto felice. »

Il suo primo avvio è stato degno di nota, dato che Mbe Soh (22 anni) ha realizzato un assist a Utrecht (2-0, 30 settembre), che ha contribuito a lanciare finalmente l'Almere nella sua stagione dopo sei prime giornate senza vittorie. “Non ero del tutto pronto ma dovevo esserlo in fretta perché c'era bisogno di me in fretta. Quindi sono andato in battaglia. È stato facile perché avevo tanto sostegno da parte dei tifosi, dall'emozione che provavamo in città. »

READ  Il Metz si unisce a Bietigheim, Györ ed Esbjerg nella Final Four di Champions League

Nel frattempo, il suo allenatore ha fatto affidamento sulle sue qualità, in particolare sul duello e sulla sua capacità di ripartire, per renderlo un titolare regolare in una difesa a quattro o cinque. Quindi, per mantenere le cose sulla buona strada, Almere ha deciso di dare più tempo di gioco ai difensori che non erano in prestito. “Ma ho acquisito un po’ più di esperienza, era proprio quello che speravo”osserva Mbe Soh, che ha 18 partite di Eredivisie.

Théo Barbet, dall'ascesa alla conferma

È il più anziano della mini-armata francese di Almere. Formatosi al Digione e poi passato al Lokomotiv Zagabria, Théo Barbet ha avuto un ruolo centrale nella crescita acquisita un anno fa. “La migliore esperienza che ho avuto nella mia giovane carrierasorride ancora. Parliamo di un club che cresce anno dopo anno, che si sviluppa a tutti i livelli (lo stadio verrà ampliato quest'estate) e la scalata è stata ancora più bella perché siamo arrivati ​​agli spareggi quando nessuno se lo aspettava. »

Arrivato libero nell'estate del 2022, dopo la preparazione con l'UNFP e una settimana di prova, il 23enne difensore centrale sinistro è cresciuto bene, con lo status regolare in Olanda e il ruolo di ambasciatore dirigente del club: “Mi ha fatto piacere vedere arrivare i francesi l’estate scorsa, ho anche aiutato a portarli perché facevo il direttore sportivo (Giovanni Hansma) mi ha chiesto di scrivere loro per descrivere il club. Sono venuti tutti quelli con cui ho parlato (in particolare Mbe Soh che era con lui nelle giovanili francesi)quindi sarei un buon venditore ! Stiamo facendo una grande stagione perché alla fine abbiamo preso subito punti. (Almere è 13°). » Se la squadra riuscisse a prenderne altri tre questo venerdì, ne avrebbe abbastanza per evitare di essere colta da Waalwijk, il fuoco di sbarramento. E la festa sarebbe fantastica.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *