Colossal Montpellier contro Kiel nell'andata dei quarti di finale di Champions League



Per la sua ultima partita europea in casa, da quando riattaccherà quest'estate dopo trent'anni sulla panchina dell'Hérault, Patrice Canayer ha regalato un gioiello d'allenatore, questo mercoledì sera a Montpellier, per condurre l'MHB al grande successo contro il Kiel, nella quarti della finale di Champions League: 39-30. Le Gardois è l'unico allenatore ad aver guidato un club francese al titolo continentale principale, due volte nel 2003 e nel 2018.

Firmando una simile manifestazione contro il quattro volte vincitore tedesco (2007, 2010, 2012, 2020), il Montpellier ha aperto la strada alla Final Four (8-9 giugno a Colonia) prima della partita di ritorno del 2 maggio nel nord della Germania .

Una partita molto importante per Desbonnet

Per schiacciare il Kiel, Canayer ha usato tutti gli accorgimenti tattici: varietà tecnica, velocità, cross a bizzeffe, ingresso delle ali sul perno. Un recital servito da una solida difesa con Karl Konan al comando. E nei gol, un Rémi Desbonnet da grandi serate: 16 parate su 46 tiri (34,7-8%), ovvero il raddoppio della coppia del Kiel, Samir Bellahcene (2 su 19, al 10,53%) e Tomas Mrkva (6 su 25) , al 24%).

Come simbolo: Desbonnet ha fermato un tiro finale negli ultimi secondi prima, con la sua vista leggendaria, segnando a porta vuota (il suo secondo gol della serata) per portare il divario a nove gol alla fine. Magistrale. Il portiere della nazionale ha vinto la partita nella partita contro Samir Bellahcene, formatosi a Montpellier, oggi a Kiel. « Sono molto orgoglioso della prestazione di stasera ma torneremo presto alla gara di ritorno perché sappiamo che ci aspetteranno con il coltello tra i denti », ha confidato Rémi Desbonnet al microfono diEurosport.

READ  Dortmund-PSG: nessun giocatore a rischio squalifica per la semifinale di ritorno

Tuttavia, Bellahcene è stato il primo portiere a brillare parando un rigore di Stas Skube (5°) per firmare la sua prima parata della partita e consentire al Kiel di prendere un vantaggio (2-4, 6°) con grande rapidità. Rémi Desbonnet ha dovuto aspettare 6'25'' prima di firmare la sua prima parata davanti a Eric Johansson ma poi il portiere del Montpellier ha fatto scintilla con già 8 parate su 24 tiri nel primo atto, che da solo è il doppio della coppia di Kiel Bellahcene -Mrkva, il ceco (3 parate su 9 tiri) venuto a subentrare al francese non al meglio (1 parata su 13 tiri in 16 minuti).

Quattro gol di vantaggio nell'intervallo

Tra le parate del portiere e una ricca varietà tecnica, il Montpellier è riuscito a riconquistare il vantaggio nel punteggio (5-4, 10°). Inoltre, Yanis Lenne è stato intransigente sulla fascia destra: il nazionale ha segnato 5 su 5 in sedici minuti, spesso da angoli molto stretti, la sua specialità. È lui a offrire il primo +4 (12-8, 16°) subito dopo che Marko Panic ha ricevuto un cartellino rosso diretto (14'41) per una gomitata involontaria a Eric Johansson, uscito un po' troppo forte in difesa.

Il timeout (18esimo) fissato da Filip Jicha, allenatore ceco del Kiel, e la difesa schierata sull'1-5 hanno avuto l'effetto di interrompere l'attacco dell'Hérault. Grande impresa per i tedeschi, autori di un 3-0 in quattro minuti (14-12, 22°). Ma l'inferiorità numerica, unita a qualche parata e alle ripartenze veloci di Rémi Desbonnet (2 rigori parati su 3), al ritorno d'impatto di Bryan Monte, terzino brasiliano dal tiro potente, e all'astuzia di Stas Skube (2 gol in un minuto) ha permesso al due volte campione d'Europa (2003, 2018) di andare al riposo con un vantaggio di quattro unità (20-16).

READ  Sappiamo che i giocatori del Troyes sono stati esonerati dopo gli incidenti contro il Valenciennes

Nella ripresa, il Montpellier ha mantenuto il suo ritmo, anche con due palloni del +10 senza riuscire a superare questa traversa. Sopraffatto, il Kiel ha provato di tutto lanciando, ad esempio, una difesa quasi su tutti i terreni, giocando senza portiere per beneficiare di un giocatore di movimento in più. Tanto più insufficiente in quanto anche Stas Skube era in forma smagliante, sia nella produzione (6 scatti su 7) che nella distribuzione.

Samir Bellahcene sarà forse rinato tra i gol tedeschi, ma il francese non ha potuto nulla contro l'impennata dell'Hérault nell'atteso calderone dell'FDI Stadium. Inoltre anche Lucas Pellas, l'esterno svedese, è stato intransigente sui rigori.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *