Come catturare il riso troppo cotto? 3 consigli infallibili


In cucina, una piccola cosa può rovinare la tua ricetta ! Ad esempio, un minuto di disattenzione o troppa fiducia cieca riposta nel riso a grani lunghi acquistato al supermercato, e ti ritrovi con una massa appiccicosa e troppo cotta. Naturalmente non c'era il rischio di sprecare qualcosa, ma il risultato non era quello sperato e il porridge continuava ad attaccarsi alla padella. Fortunatamente, il riso morbido e pastoso è tutt’altro che inevitabile! Recuperare il riso stracotto non solo è possibile, ma è anche molto più semplice di quanto si pensi. Scopri consigli semplici ed efficaci per dare al tuo riso stracotto la consistenza leggera e compatta che stavi cercando, per un'esperienza culinaria che non potrebbe essere più deliziosa nonostante la cottura prolungata.

1) Acqua fredda per risparmiare riso troppo cotto

È l'amido del riso che gli consente di espandersi e gelificarsi. Tuttavia, in caso di cottura eccessiva, il riso ne rilascerà ancora di più, il che farà dargli la sua consistenza appiccicosa e pastosa. Per correggere la situazione, è possibile scolare questo cibo con uno scolapasta o un colino e sciacquarlo con un getto di acqua fredda. Ciò consentirà interrompere immediatamente la cottura e di liberare questo alimento da parte del suo amido per renderlo meno appiccicoso. Non esitate ad usare le dita o una forchetta per sciogliere i chicchi e rendere la porzione più uniforme.

Per servire il riso caldo dopo aver utilizzato questo consiglio, mettetelo brevemente nella padella con un filo d'olio e mescolate regolarmente. Puoi anche, se lo desideri, mettere la pirofila nel forno caldo e spento.

READ  Mark Daigneault (Oklahoma City Thunder, qualificato per i playoff NBA): “Il West è stato incredibile quest’anno”
lavare il riso e sciacquare il riso troppo cotto per catturarlo
Crediti: iStock

2) Un giro al forno per trovare la consistenza ideale

Se avete dimenticato il riso sul fuoco, potete sicuramente considerare di metterlo in forno per qualche minuto in una pirofila adatta. Metterlo in forno lo consentiràasciugare il riso e renderlo meno appiccicoso. Il calore del forno, infatti, eliminerà l'umidità in eccesso per conferire ai chicchi una consistenza più gradevole in bocca. Assicurati solo di monitorare attentamente la cottura in questo modo non bruciare il riso e non farlo seccare troppo !

Buono a sapersi: allo stesso modo potete usare il forno per prendere il riso troppo crudo e un po' poco cotto. Per fare questo è sufficiente metterlo in una pirofila adatta alla cottura in forno nella quale aggiungere un po' d'acqua. Infine, fate cuocere il tutto a bassa temperatura, osservando attentamente.

riso troppo cotto troppo cotto
Crediti: iStock

3) Usa il riso troppo cotto in un'altra ricetta

Vi serviva un riso sodo come accompagnamento ed eccovi con un riso che somiglia al porridge? Invece di gettarlo nella spazzatura o rovinare il tuo piatto usandolo comunque, favorire il riciclo in un'altra ricetta ! Conservate il gesso di riso in un contenitore ermetico in frigorifero e usatelo per addensare una zuppa di verdure, servire come legante per le polpette, formare delle gallette di riso, fare uno strato extra in una gratinatura o preparare il riso saltato in padella con salsa di soia e salsa di peperoncino .

Anche questo riso inzuppato può trasformarlo in budino di riso, in una fondente insalata di riso o in arancini (polpette di riso fritte o cotte spesso fatte con il risotto avanzato accompagnato da mozzarella, pesto, gorgonzola o bolognese). Alcuni cuochi usano volentieri anche il riso troppo fangoso per una poke bowl gourmet, un chirashi o un sushi. Non vi resta che aggiungere l'aceto di riso e servirlo con pesce e verdure crude. In breve, non esitate a farlo dare al riso un'altra forma per dimenticare completamente la sua consistenza disordinata.

READ  “Nessun problema” per Parigi 2024 dopo la perdita d'acqua al Centro Acquatico Olimpico

Il tuo piccolo fallimento in cucina non dovrebbe impedirtelo conservare l’acqua del riso: i possibili utilizzi non mancano !



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *