Come funziona l'anestesia?


L’anestesia, parte essenziale della medicina moderna, ha trasformato radicalmente il campo della chirurgia rendendo le procedure meno dolorose e meno traumatiche per i pazienti. Dalle prime procedure chirurgiche dell'età della pietra alle sofisticate tecniche di oggi, l'anestesia si è naturalmente evoluta in una scienza complessa. Comprendere come funziona è fondamentale per garantire la sicurezza e il comfort dei pazienti durante le procedure mediche.

Tipi di anestesia

L’anestesia può essere classificata in diverse categorie in base al suo effetto sul corpo e alla sua applicazione clinica.

Sedazione : Chiamata anche “anestesia monitorata”, la sedazione viene utilizzata per procedure minori o interventi chirurgici leggeri. Ha lo scopo di rilassare il paziente e dargli sonnolenza senza fargli perdere conoscenza.

Anestesia locale : Questo tipo di anestesia intorpidisce solo la parte specifica del corpo in cui viene eseguito l'intervento chirurgico lasciando il paziente sveglio e cosciente.

Regionale : Dato per intorpidire un'area più ampia del corpo, l'anestesia regionale, come l'epidurale, blocca la sensibilità in un'area specifica. Viene spesso utilizzato per il parto e per le procedure chirurgiche che coinvolgono qualsiasi parte del corpo.

Generale : Negli interventi chirurgici maggiori, l'anestesia generale viene utilizzata per indurre uno stato di incoscienza nel paziente, intorpidendo l'intero corpo ed eliminando ogni sensazione di dolore.

Meccanismi di anestesia

Gli anestetici funzionano in modi diversi a seconda del tipo di anestesia.

Anestetici locali : Questi farmaci bloccano i segnali del dolore impedendo alle cellule nervose di trasmettere informazioni al cervello. Agiscono principalmente da bloccando i canali del sodio nelle cellule nervoseche impedisce la trasmissione dei segnali del dolore.

READ  La squadra francese è stata battuta nella finale del torneo di Hong Kong dalla Nuova Zelanda

Anestetici generali : Questi agenti provocano la perdita di coscienza e l'immobilità agendo sui neurotrasmettitori nel cervello. Ad esempio, il propofoluno degli anestetici generali più comunemente usati, stimola l'attività del recettore GABA (o acido gamma-amminobutirrico). È il principale neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. Funziona legandosi a recettori specifici chiamati recettori GABA-A situato sulle membrane dei neuroni.

La stimolazione della sua attività porta quindi all'inibizione neuronale e alla perdita di coscienza.

anestesia
Crediti: Alernon77/istock

Somministrazione di anestetici

Gli anestetici possono essere somministrati in diversi modi a seconda delle esigenze del paziente e della natura della procedura chirurgica.

Uso endovenoso : I farmaci anestetici vengono spesso somministrati per via endovenosa per indurre rapidamente l'anestesia generale negli adulti.

Inalazione : I gas anestetici vengono generalmente utilizzati per indurre l'anestesia nei bambini, ma possono essere utilizzati anche nei soggetti più anziani. Tuttavia, potrebbe essere necessario più tempo per ottenere l'effetto desiderato a causa della frequenza respiratoria e della gittata cardiaca inferiori negli adulti.

anestesia
Crediti: Djordje Krstic/istock

Limitazioni e ricerche future

Sebbene l’anestesia sia ampiamente utilizzata e considerata sicura, rimangono gli esatti meccanismi della sua azione in gran parte frainteso. Sono quindi necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio le complesse interazioni tra gli anestetici e il cervello umano, nonché per sviluppare metodi più efficaci e sicuri per la somministrazione dell’anestesia.

Esplorando queste aree, gli scienziati potrebbero potenzialmente migliorare i protocolli anestetici e fornire vantaggi significativi ai pazienti sottoposti a interventi chirurgici e procedure mediche.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *