come i fiumi diventarono arancioni e acidi come l'aceto


Con i suoi oltre 12.000 fiumi, lo stato dell'Alaska dipende fortemente dalle sue acque a livello economico per la pesca, il turismo e le attività ricreative, ma anche a livello culturale per le popolazioni indigene per le quali esse sono al centro delle tradizioni. Soprattutto, queste distese acquatiche sono molto importanti per la grande diversità di fauna e flora che ospitano, il tutto all’interno di un ecosistema ricco e dinamico nel circolo polare artico. Tuttavia, questi fiumi vitali e i loro bacini idrografici si trovano ad affrontare un fenomeno preoccupante che ha attirato l’attenzione dei ricercatori. Infatti, le loro acque un tempo pure e cristalline diventano di un arancione brillante e diventano molto acide. Un recente studio mira a comprendere meglio le origini di questa pericolosa trasformazione e visibilmente, il cambiamento climatico non è estraneo.

Lo stranissimo caso dei fiumi arancioni in Alaska

Per questa ricerca, gli scienziati hanno raccolto campioni da 75 località attraverso la Brooks Range nella regione artica dell'Alaska, nonché nel Parco nazionale della Valle di Kobuk. A volte le aree erano così difficili da raggiungere che dovevano raggiungerle in elicottero. “ Più volavamo qua e là, più notavamo fiumi e ruscelli arancioni. Alcuni siti sembrava quasi un succo d'arancia lattiginoso « , deplora Jon O'Donnell, l'autore principale di questo lavoro ed ecologista del National Park Service Arctic Inventory and Monitoring Network.

E come aggiunge Brett Poulin, uno dei ricercatori dello studio e assistente professore di tossicologia ambientale presso l'Università della California, Davis, alcune di queste aree colorate di arancione sono così grandi da essere visibili anche dallo spazio, segno che devono essere macchiati molto profondamente. Inoltre, se Jon O'Donnell avesse notato questo cambiamento di colore solo nel 2018, le immagini satellitari dimostrano che questo fenomeno risale al 2008. « Questo problema si diffonde gradualmente nel tempo dai piccoli corsi d'acqua ai fiumi più grandi. E quando sorgono problemi o minacce emergenti, dobbiamo essere in grado di comprenderli », afferma quest'ultimo.

READ  Spada vichinga con iscrizione "molto rara" scoperta in Norvegia
fiumi arancioni in Alaska
Prima e dopo all'Akillik. Questo corso d'acqua è un affluente diretto del fiume Kobuk che si trova all'interno del Parco nazionale della Valle di Kobuk, in Alaska. Crediti: Jon O'Donnell

E precisamente, come spiegare questo brusco cambiamento di colore?

Sebbene le cause non siano chiare, gli scienziati attribuiscono il problema dei fiumi arrugginiti al riscaldamento globale. Nel Parco Nazionale della Valle di Kobuk, le cui temperature sono elevate aumentato di 2,4°C dal 2006 e che potrebbe essere di 10,2°C più caldo entro il 2100è infatti già all'origine di a scioglimento del 40% del permafrost (un terreno solitamente permanentemente ghiacciato).

Con l'esposizione all'acqua e all'ossigeno, i minerali metallici nel terreno che una volta erano congelati potrebbero essersi congelati rilasciato dall'acidità e dai metalli. I campioni prelevati hanno mostrato alti livelli di zinco, nichel, rame e cadmio nell'acqua colpita. Il ferro resta comunque il metallo più presente nei campioni. e potrebbe quindi essere l'origine di questa tonalità arancione brillante. Qui, la conduttività elettrica dei sedimenti era in definitiva “ più vicino a quello delle acque reflue industriali che a quello di un ruscello di montagna ».

Alcuni ricercatori propongono un'altra strada per spiegare il colore dell'acqua. In effetti potrebbe semplicemente essere legati alla proliferazione dei batteri del ferro, considerato non pericoloso per le specie acquatiche e per l'uomo. In caso di scioglimento del permafrost in zone umide, questi batteri potrebbero avere un impatto sullo stato del ferro che, inizialmente ossidato (Fe3+) e insolubile, diventerebbe poi ridotto (Fe2+) e solubile in acqua. Il trasporto del ferro nelle acque sotterranee potrebbe poi ossidarlo e conferirgli questo colore verde-arancio. Tuttavia, gli scienziati non vogliono trascurare nessuna strada. Saranno quindi necessarie ulteriori ricerche.

Acidità impressionante

Tuttavia, sono stati visualizzati alcuni campioni un pH di 2,3 rispetto a un pH di 8 in media nei fiumi. Tuttavia, è acido quanto il pH dell'aceto. Ciò dimostra che le acque interessate sono molto più acide del normale. Le letture nel fiume Salmon hanno mostrato un pH di 6,4, o  » circa cento volte più acido del fiume in cui scorreva il torrente ».

READ  Questo è il più antico rettile marino dal collo lungo del mondo
Fiumi arancioni dell'Alaska
Crediti: Ken Hill / Servizio del parco nazionale della valle di Kobuk

In che modo lo stato dei fiumi è una brutta notizia per l'Alaska?

I ricercatori hanno un altro anno per comprendere meglio la radice del problema dopo aver ricevuto finanziamenti triennali per la loro ricerca. In ogni caso, il loro lavoro evidenzia rischi molto elevati per la fornitura di acqua potabile per i locali nelle zone rurali e per la fauna acquatica. “ Questi flussi arancioni possono causare problemi di tossicitàma anche impedire la migrazione dei pesci verso i luoghi di riproduzione », preoccupa in particolare Jon O'Donnell. Lo studio afferma inoltre che questa decolorazione è accompagnata da “ un drammatico declino della diversità dei macroinvertebrati e dell’abbondanza di pesci » e che l'elevata concentrazione di ferro e metalli tossici costituisce un'ulteriore minaccia.

Ciò potrebbe avere conseguenze potenzialmente disastrose per questa regione che dipende fortemente dai suoi fiumi per il cibo, il turismo e la pesca commerciale. Comunque,  » È un un’area che si sta riscaldando almeno due o tre volte più velocemente rispetto al resto del pianeta. Possiamo quindi aspettarci che questo tipo di effetto continui « , conclude Scott Zolkos, scienziato del Woodwell Climate Research Center che non fa parte del gruppo di ricerca.

Trova lo studio nel dettaglio ecco.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *