Come i mammiferi, questo anfibio produce il latte per i suoi piccoli


Nel regno animale, la maternità può assumere molte forme, a volte sorprendenti. Che si tratti di uccelli, rettili, anfibi o pesci, la maggior parte dei vertebrati si riproducono utilizzando uova il cui tuorlo nutriente viene inizialmente utilizzato per nutrire la prole prima della schiusa. Tuttavia, le cose sono radicalmente diverse nei mammiferi che nutrire i loro piccoli con latte molto ricco. Tuttavia, alcune creature a volte possono trasgredire le leggi della natura e adottare comportamenti unici. Secondo uno studio, questo è il caso di Siphonops annulatoun animale sorprendente che nutre la sua prole con una sostanza vicina al latte, cosa mai osservata prima in un anfibio.

Un anfibio particolarmente unico sotto diversi aspetti

Siphonops annulato è una specie di gymnophione della famiglia Siphonopidae. Questo anfibio senza arti, simile a un verme e con occhi rudimentali, vive sottoterra. Inoltre, sopravvive, si riproduce ed è molto poco osservato in laboratorio, il che complica notevolmente il suo studio. Tuttavia, ciò non impedisce ad alcuni scienziati appassionati di questi sorprendenti animali di continuare le loro ricerche per comprenderli meglio. E il minimo che possiamo dire è che lo hanno fatto caratteristiche e comportamenti sorprendenti. Come spiega Carlos Jared, che li studia da quasi cinquant’anni presso l’Istituto Butantan di San Paolo (Brasile): “ è come se venissero da un altro pianeta. Per me sono come i marziani. »

esemplare di Siphonops annulatus
Crediti: Andreas Schlüter/Wikimedia Commons

Ad esempio, nel 2020, si è scoperto che questo animale è velenoso. In effetti, lo ha fatto ghiandole velenifere sotto il labbro superiore che ricordano quelli del serpente in versione più primitiva. Essendo la bocca il suo unico strumento di caccia, può secernere tossine per paralizzare la preda.

READ  Uno studio solleva il velo sulle sorprendenti usanze di un'antica cultura guerriera

Tuttavia, la sua caratteristica più intrigante è questa i suoi piccoli si nutrono della pelle della madre una volta alla settimana. Un dettaglio però ha dato fastidio al ricercatore brasiliano e ai suoi colleghi: “ Sono così, così attivi… non è possibile che mangino solo una o due volte a settimana. » Questa modalità di alimentazione troppo rara non potrebbe quindi spiegare pienamente il rapido sviluppo di questi piccoli pieni di energia che crescere del 150% nella prima settimana di vita. Anni di osservazione, tuttavia, hanno svelato il mistero.

Il Siphonops annulatus produce latte come i mammiferi

Se l'idea che questo animale producesse latte era già presente nella mente dei ricercatori fin dal 1987, solo di recente il team ha finalmente ricevuto conferma. Gli ci sono voluti diversi viaggi nelle piantagioni di cacao annidate nelle foreste brasiliane per catturare sedici madri di questa specie e i loro numerosi cuccioli. Nel laboratorio, queste Cécilie erano girato per due mesi, dalla nascita fino all'ottenimento dell'indipendenza. Grazie a queste telecamere, i ricercatori hanno potuto notare che i piccoli si radunavano sempre nello stesso punto, vicino alla coda della madre (allo sfiatatoio). Erano anche capaci identificare una sostanza molto paragonabile al latte che ne uscì.

Dopo l'analisi è emerso che questo oviparo produce effettivamente a latte oviduttale composto principalmente da lipidi e carboidrati in definitiva non molto distante da quello dei mammiferi e prodotto dalle ghiandole ipertrofiche dell'epitelio oviduttale materno. Se ciò non fosse già abbastanza sorprendente, gli scienziati hanno anche spiegato che la secrezione di questo latte lo era una risposta diretta alla stimolazione tattile o acustica da parte dei neonati.

Siphonops annulatus anfibio oviparo che produce latte come i mammiferi
Crediti: Carlos Jared/Institut Butantan

Come spiegare una caratteristica così affascinante in un anfibio?

Potrebbe trattarsi di questa forma di alimentazione mai osservata finora negli animali ovipari è apparso per lo stesso motivo degli esseri umani. Come spiega Marvalee Wake, professoressa dell’Università della California, Berkeley, che non è stata coinvolta nello studio, i bambini piccoli nascono molto prima che possano provvedere a se stessi. Lo sono quindi vulnerabile, che ha indotto la madre a produrre latte. In questo caso possiamo parlare dievoluzione convergente che comporta lo sviluppo di caratteristiche simili in lignaggi completamente distinti.

READ  SpaceX potrebbe lanciare l'astronave tra pochi giorni

Per Marta Antoniazzi, collega di Carlos Jared, è soprattutto un ricordare che animali estremamente diversi, come i cuccioli sotterranei e gli anfibi, possono condividere molte cose in comune. « La natura è molto creativa. A volte dà la stessa soluzione a diversi gruppi di animali », aggiunge.

In ogni caso, questo studio è solo l’inizio. Infatti non sappiamo ancora per il momento se altri gimnofioni li producano, né tantomeno come, perché, quando e dove è apparso il latte di anfibio. Tuttavia, come conclude David Blackburn, che lavora al Museo di Storia Naturale della Florida e non è stato coinvolto in questo lavoro, l'evoluzione nel mondo degli anfibi è scandita da tecniche e storie di allevamento  » totalmente strano « . A volte lo sono così bizzarri che la scienza potrebbe impiegare un po’ di tempo per comprenderli appieno. Tuttavia, questa specie è stata identificato per la prima volta nel 1822. « Quindi ci sono voluti solo 200 anni (…), più di 200 anni per scoprirlo. Le Cécilie continuano a sorprendere. »

Potete trovare tutti i dettagli di questo studio datato 7 marzo sulla rivista Scienza.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *