Come le piccole federazioni gestiscono numerose richieste dei media



Non hanno, come Belem, un intero equipaggio per domare le raffiche e le onde. Le federazioni francesi più esperte sono forse abituate a fronteggiare le richieste mediatiche gonfiate dalle ventate olimpiche, ma quelle nate dai Giochi in casa sono uniche. Con Parigi, il loro volume era “moltiplicato per due o anche tre”conferma Pauline Filet.

Sono vent'anni che il responsabile della comunicazione della Federazione Taekwondo e dei suoi 50.000 iscritti sostiene questi periodi pre-Giochi. Il flusso non è mai stato così importante. “La differenza maggiore è la presenza di giornalisti che non si occupano di sport in generale, con i quali riprendiamo il b. a.-ba. »

Senza un aumento esponenziale dei numeri per gestire l'afflusso, dobbiamo arrangiarci al meglio con i mezzi a nostra disposizione per raggiungere un duplice obiettivo, sintetizzato da Julien Rossignol, responsabile della comunicazione della Federazione di tiro con l'arco (74.000 iscritti): “Bisogna essere disponibili a creare sufficienti collegamenti con i media affinché le prestazioni degli atleti e della disciplina abbiano la migliore visibilità possibile, senza che ciò vada a discapito della prestazione. »

“Bisogna essere disponibili a creare sufficienti collegamenti con i media (…) senza che ciò vada a discapito della performance”

Julien Rossignol, responsabile della comunicazione della Federazione di tiro con l'arco

Recupero giudiziale richiesto dal 2021, il solo vicepresidente della Federazione Wrestling (28.000 licenziatari) Jean-Carl Fossati svolge il ruolo di gestore delle richieste. “Mi rivolgo al supporto tecnico per la convalida. Non devono (richieste) interferire con periodi di allenamento piuttosto pesante. La difficoltà è che l'attenzione è focalizzata su Koumba (Larroque) e che non possiamo davvero reindirizzare ad altri atleti. Anche se La qualificazione di Mamadassa (Silla) aiuterà ad allentare un po’ la pressione”.

Agenzie di stampa in soccorso

Altri si affidano ai servizi di agenzie specializzate per dare il cambio alle proprie squadre. “Interveniamo su diversi aspetti, la gestione delle richieste in arrivo, ma anche la promozione della federazione attraverso l’organizzazione di eventi, recentemente in un’armeria o in un centro di riabilitazione per persone malate di cancro al seno…”spiega Laurence Dacoury, direttore dell'agenzia di stampa Blanco-Negro, che sostiene le federazioni di scherma, pallavolo e atletica.

READ  Il Real Madrid riesce a raggiungere il Vitoria nei quarti di finale di Eurolega

« L’idea è quella di sfruttare i riflettori olimpici per mostrare tutto quello che la scherma può portare, per dire che possiamo farcela anche a 70 anni, continua. Siamo anche una sorta di catalogo, se per x motivi un atleta non riesce a rispondere ad un giornalista nei suoi tempi, cerchiamo di trovarne qualcuno equivalente per non rovinargli l'articolo. Non si ferma. È necessaria una grande flessibilità. » Perché l'occasione è unica per brillare agli occhi del grande pubblico e per attrarre nuovi adepti verso le rispettive discipline.

Dalla fine del 2020 la Federazione di tiro con l'arco è sostenuta dall'agenzia 15 love. “È responsabile dell'invio di comunicati stampa e inviti alla stampa. Continuiamo a scrivere, a scattare foto agli eventi, ma condividiamo la gestione delle richieste grazie ad un gruppo WhatsApp dove abbiamo anche il DTN e i coach”espone Julien Rossignol.

L'organizzazione, negli ultimi tre anni, della tappa di Coppa del Mondo a Parigi e l'attenzione che l'accompagna hanno permesso loro di valutare le aspettative e mettere a punto una modalità operativa efficiente, ottimizzata per “scaricare gli atleti” che comunicavano direttamente con i giornalisti. “Alcuni non osavano dire di no, anche quando attraversavano momenti un po’ difficili. Avevano bisogno che svolgessimo questo ruolo di intermediari”dice Julien Rossignol.

Sostegno agli atleti

Preservare gli atleti che rilasciano impulsi più o meno nervosi durante le richieste è una delle maggiori sfide che le squadre devono affrontare. “Dobbiamo conoscere bene i nostri atleti. Le interviste non costeranno la stessa quantità di energia da un individuo all’altro. Kevin (Mayer) gli piace l'esercizio mediatico ma gli costa più di un Teddy (Riner)che è potenziato da questo momentoconfronta Laurence Dacoury.

READ  Pareggio delicato per i francesi allo Strasburgo Internationaux

È anche necessario dare “Parametri di riferimento per i più giovani”a volte in totale scoperta. “Devono capire perché glielo facciamo in un certo momento e non in un altro, perché glielo facciamo questa domanda, come funziona una zona mista. Questo aiuta a limitare il livello di stress che aumenta con l’ignoto”aggiunge.

“La cosa complicata in questo momento è che tutti vogliono avere accesso dietro le quinte”

Pauline Filet, responsabile delle comunicazioni della Federazione Taekwondo

La coppia responsabile dei rapporti con la stampa del taekwondo si è concentrata sull'apertura della formazione ai giornalisti una volta al mese e sulla centralizzazione il più possibile delle interviste lì. “L’idea è che all’Insep non abbiamo costantemente telecamere. Anche se ci dicono “siamo super discreti”, questa presenza crea disagio agli atleti e agli allenatori. Non si comportano esattamente allo stesso modo in presenza di una telecamera. »punta Pauline Filet.

« La cosa complicata al momento è che tutti vogliono avere accesso dietro le quinte, lei dice. È più difficile far capire che no, non faremo entrare una telecamera per filmare la seduta di fisioterapia dove l'atleta sta riposando o che non filmeremo il peso agli Europei dove è sottopeso, quello è vietato dalla normativa. » Da una federazione all'altra, da un atleta all'altro, sono tanti i piani di navigazione verso la stessa meta da sogno, la medaglia olimpica.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *