Come si risvegliano le persone dal coma?


Nei colpi di scena della medicina moderna, il coma rimane uno degli enigmi più sconcertanti. Questo stato di profonda incoscienza causato da un danno cerebrale incuriosisce gli scienziati con la sua imprevedibilità. Storie come quella di Munira Abdulla, che si è risvegliata dopo 27 anni di coma, pongono una domanda affascinante: perché alcune persone escono dal coma mentre altre non lo fanno mai?

Capire il coma

Il coma è un stato prolungato di incoscienza che si verifica quando il cervello subisce un danno significativo. Questo danno può essere causato da vari fattori. IL Lesioni alla testa derivanti da incidenti, cadute o colpi possono provocare in particolare gravi danni cerebrali. Ad esempio, una collisione violenta in un incidente stradale può causare una commozione cerebrale o un’emorragia interna, che porta al coma. Malattie come encefaliteche è un'infiammazione del cervello spesso causato da un'infezione virale, può anche interrompere la normale funzione cerebrale e portare al coma.

Finalmente lo sappiamo tombe di infezionicome la meningite che è un'infiammazione delle membrane che circondano il cervello e il midollo spinale, possono anche danneggiare il cervello al punto da ottenere lo stesso risultato.

Effetti sul cervello

Quando una persona cade in coma,'attività cerebrale rallenta notevolmente. Questo rallentamento viene misurato mediante elettroencefalogrammi (EEG) che mostrano una diminuzione dell'attività elettrica nel cervello. Questo calo di attività è paragonabile a uno stato di sonno profondo, ma molto più prolungato e senza cicli di veglia regolari.

IL le reti neurali diventano così meno attive e meno efficienti. I neuroni danneggiati non possono più trasmettere correttamente i segnali, il che interrompe la comunicazione tra le diverse parti del cervello. Inoltre, le persone in coma non rispondono agli stimoli esterni come luce, suono o dolore. Questo perché le regioni del cervello responsabili della percezione e della reazione agli stimoli sono inattive o danneggiate. Questa mancanza di risposta è anche un criterio chiave per diagnosticare un coma.

READ  Quali erano i dinosauri più veloci?
coma
Crediti: kieferpix/istock

I misteri del recupero del cervello

Per qualcuno che si sveglia dal coma, il suo cervello deve riprendersi, riparando i neuroni danneggiati o creando nuovi circuiti per compensare il danno. Questo recupero fisico è lento, ad una velocità di circa un millimetro a settimana. Tuttavia, questa riparazione da sola non è sempre sufficiente. Anche il cervello deve ritornare al suo normale livello di attività, un processo ancora poco compreso.

I ricercatori stanno esplorando diverse strade per comprendere e potenzialmente accelerare il risveglio dei pazienti in coma. Una teoria propone che il cervello abbia serve un “riavvio” per riprendere le normali funzioni. Questa idea suggerisce che un evento o un intervento potrebbero riattivare l’attività cerebrale. Sebbene questa teoria sia attraente, manca ancora di prove concrete.

Una droga, l'amantadina, ha mostrato risultati promettenti. Usato per aumentare i livelli di dopamina nel cervello, questo farmaco potrebbe migliorare la comunicazione tra le reti cerebrali. La dopamina è infatti fondamentale per movimenti e comportamenti motivati ​​e gli studi hanno dimostrato che l'amantadina può migliorare la coscienza nei pazienti in stato vegetativo o minimamente cosciente.

Sono in fase di studio anche altre tecniche di stimolazione cerebrale. Là stimolazione cerebrale profonda (DBS) prevede l’impianto di elettrodi nel cervello per stimolare i neuroni con piccoli impulsi elettrici. Spesso prende di mira il talamo, una regione chiave per l'eccitazione e l'attenzione. IL ultrasuoni focalizzati rappresentano un altro metodo, questa volta non invasivo. Questa tecnica utilizza vibrazioni ultrasoniche per stimolare i neuroni, senza richiedere un intervento chirurgico. Allo stesso modo, il stimolazione magnetica transcranica (SMT) utilizza i campi magnetici per raggiungere e stimolare le cellule cerebrali profonde.

READ  In Alaska, le tracce dei dinosauri rivelano un ambiente lussureggiante e umido

Limiti e sfide

Affinché i trattamenti di stimolazione cerebrale siano efficaci, la struttura cerebrale del paziente deve essere in buone condizioni. La crescita dei neuroni è un processo lento, il che significa che i pazienti necessitano di un supporto prolungato per il recupero. Nonostante questo supporto, alcuni pazienti non si svegliano mai.

Un tragico esempio è quello di Terri Schiavo che rimase in stato vegetativo per quindici anni prima di morire. Il suo caso illustra l'oscura realtà del coma. IL statistiche mostratelo fino al 54% dei pazienti in coma alla fine muore, che circa il 15% sopravvive, ma con gravi postumi e che solo il 31% sopravvive con buoni risultati. Queste cifre evidenziano la difficoltà e l’incertezza associate al recupero dei pazienti in coma.

Il risveglio dal coma resta quindi un fenomeno misterioso. Nonostante i progressi della scienza, rimangono ancora molte domande sui meccanismi precisi che consentono ad alcune persone di sfuggire a questo stato. Tuttavia, i ricercatori rimangono ottimisti e continuano a cercare risposte per aumentare le possibilità che i pazienti in coma si risveglino. Questa ricerca potrebbe un giorno salvare molte vite e dare speranza a coloro che sono immersi in questo stato di profonda incoscienza.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *