Come SpaceX distruggerà la Stazione Spaziale Internazionale


La NASA ha recentemente messo gli occhi su SpaceX per sviluppare un veicolo per la deorbita destinato a porre fine alla vita operativa del veicolo la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Questa scelta strategica segna un passo cruciale mentre l’agenzia spaziale americana si prepara alla transizione verso stazioni spaziali commerciali.

La NASA sceglie SpaceX

SpaceX è stata selezionata dopo una prima richiesta lanciata nel marzo 2023, cercando di trovare un partner in grado di sviluppare un veicolo spaziale in grado di spostare in sicurezza le sezioni statunitensi della ISS fuori dall’orbita. Il contratto, vale $ 843 milionimira a garantire la deorbitazione controllata della struttura dopo il 2030. Ciò segnerà la fine di un’era di cooperazione internazionale nell’esplorazione spaziale.

Inoltre, diverse aziende, tra cui Axiom Space, Blue Origin, Sierra Space, Boeing, Amazon, Voyager Space, Lockheed Martin e Northrop Grumman, sono già coinvolte in progetti di sviluppo di strutture private.

Questa decisione riflette la Fiducia della NASA nella competenza di SpaceX nel trasporto spaziale e nelle manovre orbitali complesse.

Un veicolo dedicato

Un tale veicolo per la deorbita potrebbe potenzialmente essere progettato con diverse caratteristiche e funzionalità specifiche su misura per la sua missione cruciale. Probabilmente il veicolo ne sarebbe dotato sistemi di propulsione avanzati, probabilmente utilizzando motori a propellente liquido per la massima precisione nelle regolazioni orbitali. Questi motori consentiranno al veicolo di manovrare con precisione per deorbitare sezioni della ISS in modo controllato.

Delle sistemi di controllo avanzatiVerranno inoltre integrati sistemi di navigazione autonoma e sensori per monitorare in tempo reale la posizione e l’orientamento del veicolo rispetto alla ISS.

READ  L'intelligenza artificiale avrebbe consentito l'arresto di uno dei fuggitivi più ricercati d'Europa

Considerata la complessità della missione e i rischi legati alle operazioni spaziali, il veicolo sarà dotato anche di robusti sistemi di sicurezza per prevenire collisioni e ridurre al minimo i potenziali detriti spaziali.

Infine, il design del veicolo potrebbe incorporare materiali leggeri e resistenti, nonché strutture ottimizzate per ridurre al minimo la massa garantendo al tempo stesso la robustezza necessaria per le manovre orbitali e il rientro nell’atmosfera terrestre.

stazione spaziale internazionale iss
La ISS fotografata da una navicella spaziale Soyuz dopo il 4 ottobre 2018. Crediti: NASA

Come si svolgerà la procedura?

Prima di intraprendere l’effettiva deorbitazione, sarà ovviamente necessaria un’intensa fase di preparazione. Gli ingegneri di SpaceX e della NASA determineranno l’orbita finale desiderata per la ISS. Ciò comporterà la scelta di una traiettoria che consenta, di solito, il rientro controllato nell’atmosfera terrestre sopra l’Oceano Pacifico ridurre al minimo i rischi per le popolazioni e le proprietà.

Data la natura internazionale della ISS, lo stretto coordinamento con i partner della ISS, e compra i Roscosmos (Agenzia Spaziale Russa) e altri partner internazionali, saranno naturalmente essenziali per pianificare il deorbit in modo sicuro e coordinato.

Una volta completati i preparativi, può iniziare la fase di esecuzione del deorbita. Il veicolo di deorbita di SpaceX, collegato a una sezione specifica della ISS, verrà rilasciato con precisione millimetrica per evitare danni alle strutture rimanenti. Utilizzerà quindi i suoi motori per avviarsi ridurre gradualmente l’altitudine.

Man mano che la struttura scende attraverso l’atmosfera, l’attrito con l’aria causerà una decelerazione graduale. Questa fase consentirà la disintegrazione controllata sezioni dell’ISS. Nel frattempo, i sensori a bordo del veicolo in uscita dall’orbita monitorerebbero la traiettoria e la temperatura in tempo reale per garantire che il rientro proceda come previsto.

A seguito di questa deorbita, SpaceX e la NASA condurranno una valutazione approfondita per verificare che tutte le sezioni della ISS siano state deorbitate con successo e che i detriti siano stati smaltiti in modo sicuro.

READ  Due giganti dell’industria satellitare uniscono le forze





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *