Come spiegare i mal di testa spaziali degli astronauti?


Fin dalle prime missioni Apollo, gli astronauti hanno riferito di mal di testa ricorrenti durante la loro permanenza nello spazio. Questi mal di testa, che hanno somiglianze con l’emicrania o il mal di testa da tensione, hanno incuriosito gli scienziati per decenni a causa della loro prevalenza e persistenza. Un nuovo studio ha rivelato la portata del problema.

Una malattia ricorrente

Fin dagli esordi del programma spaziale, dalle storiche missioni diApollo Negli anni '60 e '70, gli astronauti riferivano regolarmente mal di testa persistenti. Questi rapporti risalgono alle prime missioni con equipaggio in cui i primi esploratori spaziali iniziarono a descrivere sensazioni di dolore o pressione durante le fasi di assenza di gravità.

Questi mal di testa spaziali sono stati documentati nel corso della storia dell’esplorazione spaziale, colpendo una percentuale significativa di membri dell’equipaggio in missioni di varia durata e a distanze variabili dalla Terra. Sono diventati una preoccupazione persistente per le agenzie spaziali di tutto il mondo a causa della loro capacità di farlo influenzare il benessere e le prestazioni degli astronauti durante le missioni spaziali, inclusa l’interferenza con la loro capacità di concentrazione, di lavorare in modo efficace e di mantenere la propria salute fisica e mentale in un ambiente estremo e isolato.

Questa continua preoccupazione per i mal di testa spaziali ha recentemente spinto i ricercatori spaziali e i medici spaziali a dare un’occhiata più da vicino alle cause alla base di questo fenomeno e a cercare modi per prevenirli o alleviarli.

Esaminando i registri di 24 astronauti e i dati sanitari di altri 42, un team lo ha scoperto Il 90% degli astronauti soffre di mal di testa nella prima settimana di permanenza nella microgravità. Questi mal di testa persistono per l'87% delle persone colpite durante tutta la missione, mentre più della metà continua a sentirli dopo il ritorno sulla Terra.

READ  41.000 anni fa, la Terra subì un estremo bombardamento di raggi cosmici.
rover lunare
Eugene A. Cernan alla guida di un rover lunare durante la missione Apollo 17 Crediti: NASA

L'origine del mal di testa spaziale

Secondo gli autori l’origine esatta delle cefalee spaziali resta incerta, ma l’ipotesi più plausibile lo è aumento della pressione intracranica. Ricorda che sul nostro pianeta la gravità normalmente spinge i liquidi corporei verso il basso, il che può portare ad un accumulo di liquidi nella parte inferiore del corpo, in particolare nelle gambe e nel busto. Tuttavia, in assenza di gravità, questa forza di gravità è significativamente ridotta, determinando una ridistribuzione dei liquidi corporei.

Nello spazio, questi fluidi, compreso il sangue e il liquido cerebrospinale che circonda il cervello e il midollo spinale, tendono poi a migrare lungo il corpo a causa della mancanza di gravità. Questa ridistribuzione può portare ad un aumento della pressione intracranica, cioè della pressione esercitata all’interno del cranio. Di conseguenza, il cervello può essere sottoposto a una maggiore pressione, che può portare a mal di testa e altri sintomi associati. Altri fattori, come ad esipertensionestress spaziale e cambiamenti ormonali, potrebbero anche contribuire a questi mal di testa.

L'Agenzia spaziale europea (ESA), consapevole del problema, sta già esplorando potenziali soluzioni, come tute spaziali che modificano la pressione corporea, per prevenire questi mal di testa negli astronauti.

Sono necessari ulteriori studi

Sebbene lo studio, pubblicato in Neurologiarappresenta un importante progresso nella comprensione delle cefalee spaziali, presenta alcune limitazioni, in particolare la dimensioni ridotte del campione e soggettività delle dichiarazioni degli astronauti. Sono quindi necessarie ricerche future che combinino le testimonianze degli astronauti con i dati biologici per identificare le cause precise di questi sintomi.

Tieni presente che la comprensione dei mal di testa spaziali non si limita all'esplorazione spaziale. Le conoscenze acquisite potrebbero anche contribuire allo sviluppo di migliori opzioni terapeutiche per il mal di testa da tensione e l’emicrania sulla Terra.

READ  Gli astronomi fanno un'importante scoperta sulla storia della nostra galassia





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *