Conosci la teoria del satellite Black Knight?


23 anni fa, la NASA fece riferimento ai detriti spaziali in orbita bassa che non erano altro che una coperta termica persa da un astronauta. Eppure, gli ufologi e altri seguaci delle teorie del complotto hanno stimato che si tratti di un oggetto di origine extraterrestre risalente a circa 13.000 anni fa.

Tesla in contatto con gli alieni?

Nel 1998 durante la missione STS-88 – 13a missione dello Shuttle Endeavour della NASA – un astronauta fa uscire una coperta termica durante una passeggiata nello spazio. Questo scopo doveva equipaggiare parte del dispositivo. Prima che questa coperta finisca bruciata nell'atmosfera terrestre, gli astronauti la immortalano in immagini. Nel suo database dei detriti spaziali, la NASA elenca l'oggetto come STS088-724-66. Tuttavia, una comunità di ufologi e appassionati di teorie del complotto ribattezzò l'oggetto Black Knight Satellite. Secondo loro si tratta di un oggetto tecnologico di origine extraterrestre risalente a 13.000 anni fa e in orbita quasi polare attorno alla Terra.

Black_Knight_Satellite
Crediti: NASA/Wikipedia

Tuttavia, la storia di Black Knight Satellite risale a molto più tempo fa. I teorici della cospirazione ritengono che la prima prova della natura extraterrestre dell'oggetto abbia avuto origine Nicola Tesla (1856-1943), famoso per il suo ruolo di primo piano nello sviluppo e nell'adozione della corrente alternata per la trasmissione e distribuzione dell'elettricità. C'è da dire che più volte l'inventore aveva affermato di aver ricevuto comunicazioni di natura regolare e matematica proveniente da Marte. Queste ricezioni risalgono al 1899, durante esperimenti sulle onde radio. Oggi gli scienziati pensano che fosse una pulsar o delle onde che orbitavano attorno agli oggetti emettono naturalmente. Per i teorici della cospirazione, Tesla ha senza dubbio preso contatto con gli extraterrestri.

READ  Un "Ent" incoronato Albero dell'anno in Nuova Zelanda

Altri casi legati al satellite Black Knight

Più tardi, nel 1927, l'ingegnere norvegese Jørgen Hals notò un fenomeno curioso. I messaggi radio che ha inviato tornò da lui pochi istanti dopo. Questo tipo di eco avrebbe, secondo l'interessato, un'origine extraterrestre. Molto più tardi, un certo Duncan Lunan affermò che la fonte di questa eco era il Black Knight Satellite.

Nel 1954 diversi giornali riportarono diverse testimonianze, tra cui quella di un soldato in pensione divenuto cacciatore di UFO. Secondo lui, l'aeronautica americana lo aveva rilevato due satelliti in orbita terrestre mentre all’epoca nessuno disponeva della tecnologia corrispondente. Nel 1960, un'altra testimonianza parlò del rilevamento da parte della Marina americana di un oggetto scuro nel cielo. Questo si trovava su un'orbita inclinata di 79° rispetto all'equatore e osservò una rivoluzione di 104,5 minuti. Tuttavia, la Marina americana stava seguendo il frammento della busta di lancio del satellite Discoverer VIIIla cui orbita era simile.

Da allora, tutte queste storie hanno ovviamente è soggetto a sfatamento. Ma questo tipo di convinzione persiste nel tempo. In effetti, tutto ciò che gli esseri umani non possono (ancora) spiegare è oggetto delle credenze e delle fantasie più sfrenate.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *