Controlli sanitari nei ristoranti e negli snack bar situati attorno ai siti olimpici



Una gastro che colpisce un gran numero di atleti o visitatori che hanno mangiato nello stesso posto? È per evitare uno scenario così disastroso durante le Olimpiadi di Parigi di quest’estate che la Francia sta aumentando i controlli sanitari attorno ai futuri siti olimpici.

Una “Intossicazione alimentare collettiva (…) viene giudicato (…) come uno dei più alti livelli di rischio » intorno all’organizzazione delle Olimpiadi di Parigi, “poiché può mettere in pericolo l’organizzazione delle competizioni in quanto tali, se gli atleti si ammalano” e questo “mette in pericolo la reputazione della Francia”sottolinea il gabinetto del ministro dell'Agricoltura, Marc Fesneau.

Questi ultimi dovranno recarsi questo venerdì mattina in un ristorante di Saint-Ouen, comune della Seine-Saint-Denis confinante con Parigi, che ospita parte del villaggio olimpico e vicino allo Stade de France (atletica leggera, rugby), il centro acquatico o l'Arena Paris Nord (pugilato, pentathlon moderno).

“Sarebbe comunque piuttosto delicato se avessimo diverse centinaia di migliaia di persone che si ammalassero contemporaneamente a causa dei pasti serviti dai fornitori di servizi”

L'ufficio del ministro dell'Agricoltura

“Se osserviamo un controllo insufficiente del rischio sanitario, avvisiamo il responsabile di adottare misure correttive prima dei Giochi. E se non può farlo, il prefetto può pronunciare chiusure amministrative”, spiega il ministero. Lo Stato prevede inoltre di ispezionare, prima dell'inizio dei Giochi, “tutti gli stabilimenti” che servirà per mangiare all'interno dei siti olimpici.

13 milioni di pasti solo per i siti etichettati

“Sarebbe comunque piuttosto delicato se avessimo diverse centinaia di migliaia di persone che si ammalassero contemporaneamente a causa dei pasti serviti dai fornitori di servizi” dei Giochi Olimpici (26 luglio-11 agosto) e dei Giochi Paralimpici (28 agosto-8 settembre), nota l'ufficio di Marc Fesneau.

Si stima che solo all’interno dei locali dei siti certificati olimpici verranno serviti 13 milioni di pasti o spuntini: mense per atleti e volontari, stand gastronomici per i visitatori, ecc.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *