Corentin Moutet dopo la vittoria contro Nicolas Jarry al Roland-Garros: “Ero davvero calmo”



“L’obiettivo era portare Simonne-Mathieu con te a questa partita?
Questo è l'obiettivo ogni anno, quando siamo francesi e giochiamo contro gli stranieri. Ci sono spesso atmosfere infuocate, lo abbiamo potuto vedere durante le qualificazioni. Hanno fatto il lavoro ed è stato davvero bello sperimentarlo. C'era una bellissima atmosfera e mi sono davvero divertito molto.

Avevi già giocato in Cile, a casa sua, quest'anno. Contava la partita di domenica sera?
Anche senza questa partita, credo ancora nelle mie possibilità. Per questo mi alleno tutto l'anno. La sua classifica è molto migliore della mia oggi, ma non per questo non ci credo. Ero davvero tranquillo. L'avevo già battuto non molto tempo fa, addirittura a casa sua. Mi sono detto che a casa potevo davvero farcela.

Non hai trovato il pubblico a volte un po' irrispettoso nei confronti di Jarry?
Questo è molto soggettivo. Non lo so. Non sono per mancanza di rispetto. Dire che è stato irrispettoso è un po' inappropriato. Erano dietro di me, ma lo hanno comunque applaudito quando è entrato in campo. In Cile sono stato fischiato appena entrato, dal primo all'ultimo punto. C’è sempre una linea tra rispetto e sostegno. Per me, stasera, questa non è mancanza di rispetto.

“L’inizio del quarto set è stato caldo, ma gli ho fatto male di più con il dritto, ho variato di più e ho giocato molto bene in questo quarto”

READ  Jessika Ponchet surclassata da Leylah Fernandez al primo turno del Roland-Garros

C'è stato un passaggio un po' più delicato nel terzo set. È il tuo gioco forse troppo difensivo a rimetterlo in sella in quel momento?
Sì, forse ero più sulla difensiva, ma lui era soprattutto più aggressivo. Ha giocato molto più a lungo, mi ha messo pressione al ritorno. Era complicato. Ha giocato molto bene, ha servito bene, ha fatto un ottimo terzo set.

Come siete riusciti a riportarlo nei vostri canali nel quarto set?
L'obiettivo era innanzitutto mantenere il servizio nel quarto set e cercare di essere un po' più aggressivo, giocare più a lungo per impedirgli di giocare bene come nel terzo. L'inizio del quarto set è stato caldo, ma gli ho fatto più male con il dritto, ho variato di più e ho giocato molto bene in questo quarto. Questo potrebbe essere stato il mio miglior set della partita.

Per Doumbè (lottatore di MMA, la cui risposta Moutet ha raccolto al microfono, al centro del campo: “Ehi, cosa ti avevo detto? Nessuno può mettermi alla prova, fratello”)?
Per Doumbè no. Non pianifico molto, non mi piacciono tutti questi giochi di ruolo. Era divertente. c'era la mia famiglia, i miei amici. Penso che sia necessario riportare un po’ di leggerezza anche in tutto questo. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *