Cosa fare con la cenere del barbecue? 9 ottimi consigli per il riciclaggio


Sappiamo che possiamo usare la cenere del camino fare il bucato, pulire le pentole bruciate, concimare il giardino et tutta una serie di altri usi insospettabili. Ma che dire della cenere del barbecue? Infatti, non appena ritornano le giornate soleggiate, tiri fuori il tuo barbecue o la tua plancha e la cenere si accumula molto rapidamente. Potremo poi decidere di gettarli nella spazzatura dopo il raffreddamento. Tuttavia, se sono ceneri di puro carbone, le persone più intelligenti le conserveranno con cura. È infatti possibile riciclarli nella vita quotidiana, in particolare nel giardino e nell'orto, ma anche in casa. Ecco tutto quello che devi sapere per riutilizzare correttamente questi rifiuti.

Nota: questi suggerimenti riguardano le ceneri di carbone legno naturale e non estrarre carbone e altro legno trattato o misto che rischia di contaminare il suolo con impurità, inquinanti chimici e metalli pesanti.

1) Riutilizza le ceneri del carbone per un altro barbecue

cenere di carbone del barbecue
Crediti: iStock

Se il carbone no non completamente consumato, nulla ti impedisce di riutilizzarlo aggiungendo un po' di carbone inutilizzato e un accendifuoco. Questo sarà più economico e potrai sfruttare appieno il legno.

2) Pulisci la casa con la cenere del barbecue

stufa a camino in vetro pulita
Crediti: iStock

Proprio come la cenere del camino, molto utile nelle puliziequelli del barbecue possono essere utilizzati sgrassare e pulire tutte le superfici più sporche della casa e sostituiscono molti prodotti domestici. Tuttavia, assicurati di farlo setacciare bene il carbone per trattenere solo la polvere di cenere ed evitare così di graffiare le superfici. Non resta quindi che raccogliere queste ceneri setacciate con della carta di giornale o con un panno umido per strofinare i vetri del forno, l'inserto del caminetto o della stufa, le superfici smaltate (vasca da bagno, lavello, ecc.) e anche le macchie di vernice sul cemento.

3) Contro gli odori e per mazzi di fiori

odori di scarpe
Crediti: iStock

Il carbone ha a buona assorbenza. È quindi possibile utilizzarlo per deodorare scarpe puzzolenti o anche il tuo frigorifero. Se non sei il tipo che puzza ai piedi, puoi anche conservare della cenere per i fiori recisi. Aggiungendone un po' nel vaso, permetterai loro di mantenere la loro lucentezza e bellezza più a lungo.

READ  League of Legends: il programma EMEA Masters, con Karmine Corp e Gentle Mates

4) Le ceneri del barbecue sono un buon fertilizzante naturale

cenere cenere giardinaggio fertilizzante da giardino
Crediti: iStock

Le ceneri di legno sono molto ricche di potassio, calcio, magnesio, potassio e fosfato. Si tratta quindi di a emendamento generalmente molto apprezzato in giardino soprattutto perché sono anche alcalini, il che glielo consente corretta acidità del terreno. Dai prati ai cespugli di rose, alberi da frutto, arbusti ornamentali, bambù, la maggior parte delle verdure dell'orto e delle piante perenni, tutti adoreranno questo utilissimo fertilizzante naturale. Tuttavia, fare attenzione a non avere l'effetto opposto a quello voluto avendo la mano troppo pesante. Per utilizzare correttamente questo fertilizzante naturale di potassio ricco di buone sostanze nutritive, non superare un massimo di 70-100 g per metro quadrato (ovvero circa due manciate grandi) e aggiungerlo preferibilmente in inverno o in primavera, escludendo i giorni di pioggia per motivi di efficienza.

5) Una bella aggiunta al compost

compostaggio del compost da giardino delle ceneri
Crediti: iStock

Alcune manciate nel contenitore del compostaggio (per non superare il 10% della composizione della compostiera) vi darà un compost ricco ed equilibrato. Se non si esagera, la cenere renderà infatti il ​​tutto più fertile e nutriente, ma anche più nutriente meno acido per un giardinaggio sempre più efficiente. Avrai capito: il segreto per un sano giardinaggio con le ceneri è la parsimonia!

6) Spaventare gli indesiderati con la cenere del barbecue

lumaca
Crediti: Wikimedia Commons/Damj

Le ceneri costituiscono a repellente per lumache molto efficace. Basta spargerlo attorno alle piante che si desidera proteggere per evitare che possano attraversarle. In generale, l’uso della cenere aiuta a respingere molti insetti striscianti indesiderati. E soprattutto, questo repellente naturale ti aiuterà a spaventare afidi, pulci, bruchi e sitone che attaccano i tuoi raccolti. Per combattere gli scarafaggi, può essere anche spruzzato dopo aver miscelato 30 g con 30 g di calce idrata e 5 l di acqua piovana. Alcuni allevatori utilizzano questa formula anche contro pidocchi e acari, spruzzandola attorno al pollaio per proteggere i polli.

7) Pacciamatura contro le erbacce

cenere di carbone del barbecue contro le erbacce
Crediti: iStock

Un po' di carbone tritato può essere utilizzato localmente come pacciame per eliminare le erbacce. Questo tipo di pacciamatura è particolarmente formidabile contro le erbacce indesiderate, perché lo farà alterare il pH del terreno renderlo per loro particolarmente inospitale.

READ  Nassira Konde e Marine Ménager si ritirano dalla partita in Galles

8) Una buona idea per le galline

polli
Crediti: PxHere

Se hai delle galline, puoi mescolare un po' di cenere con la sabbia. Aggiunta ad un contenitore a loro disposizione nel pollaio, questa cenere li aiuterà sbarazzarsi dei parassiti. Vedrai: si divertiranno tantissimo a riempire le loro piume! È anche possibile aggiungerlo al cibo per a apporto supplementare di calcio, ma attenzione a non aggiungerne troppo. Non superare l'1%.

9) Cenere del barbecue: alleati contro le alghe

La proliferazione delle alghe sta rovinando la bellezza del tuo laghetto da giardino? In questo caso versate un cucchiaio di cenere ogni 400 litri di acqua e lasciate che la magia funzioni. Grazie alla potassa che contengono, loro fermerà rapidamente lo sviluppo delle alghe. Qualcosa da chiarire velocemente!

Precauzioni importanti prima di utilizzare le ceneri

cenere di carbone del barbecue in un secchio di metallo
Crediti: iStock

-Prima di gettarli nei rifiuti domestici o di utilizzarli, è necessario farlo sempre lasciare raffreddare le ceneri per diversi giorni. In questo modo sarai sicuro che non brilleranno più e non emetteranno più calore. Ciò consente di ridurre il rischio di incendio all'esterno. In generale si consiglia di riporli in un secchio metallico coperto e al riparo dalle intemperie. La pioggia infatti rischia di disperdere il potassio e non rimarrà più nulla per le piantagioni.
-Inoltre, evitare di metterne troppo. Si consiglia di non superare i 250 g per metro quadrato all'anno. Idealmente, metterne circa 50 g per m2, evitando di formare grumi, e raschiare leggermente il terreno per favorirne l'inglobamento e concimarlo bene. E soprattutto non usarlo per giovani germogli o semi in germinazionecosì come ai piedi di piante che necessitano di terreno a pH acido e terreno erica (azalee, acero giapponese, ortensie, mirtilli, rododendri, giardini rocciosi, ecc.). Le ceneri, che sono molto alcaline, non farebbero loro alcun favore. Dimentica anche di usarlo per le tue piante di patate, poiché ciò potrebbe favorire malattie all'interno delle piante.
-Finalmente, evita di spargere le tue ceneri se usi fertilizzanti ricchi di azoto. Il pH potrebbe aumentare e il terreno rilascerà ammoniaca.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *