cosa fare in caso di morso quest'estate?


La Physalia (Physalia physalis, detta anche vescica di mare, galea spagnola o galea portoghese) è tanto bella quanto velenosa e pungente. Si sconsiglia quindi di toccare questi animali marini, anche se sembrano morti o spiaggiati. Il contatto con i tentacoli di questi cnidari, infatti, è estremamente doloroso e potenzialmente pericoloso. Bisogna anche stare molto attenti a non confondere queste false meduse con quelle vere, perché gli effetti delle i loro morsi e i rimedi possono differire. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla physalia, il pungiglione lasciato dai suoi filamenti, ma anche come evitare questo sifonoforo ben noto a surfisti e bagnanti quest'estate in spiaggia.

Come riconoscere la fisalia e dove possiamo incontrarla?

Questa lontana cugina della medusa misura circa 15-20 cm e possiede un sacco gonfiato ad aria, il galleggiante, che la aiuta a navigare con i venti. È impossibile confonderli con le meduse, perché sono uguali float ha sfumature rosate o bluastre. Nell'acqua, questa caratteristica gli conferisce l'aspetto di un pallone da spiaggia che brilla al sole o di un sacchetto di plastica.

All'inizio del 2023, l'ARS dei Paesi della Loira ha annunciato la sua presenza lungo le sue coste (in particolare nei pressi di Jard sur Mer, Turballe, Piriac sur mer e Talmont Saint-Hilaire). Tuttavia, la loro presenza è segnalata anche sulle coste dell'Aquitania e della Charente-Maritime, nonché nei Paesi Baschi dove talvolta si è dovuto vietare la balneazione (Anglet, Biarritz, ecc.). Infine, li troviamo più raramente sulle coste bretoni.

Physalia della galea portoghese
Crediti: iStock

Che aspetto hanno i morsi di Physalia e sono pericolosi?

Il contatto con i loro filamenti provoca lesioni cutanee che provocano un dolore forte e intenso, simile ad una grossa ustione o ad una scossa elettrica. Inoltre striscepossiamo vederlo orticaria papulare può durare per ore e prurito. La pelle può anche essere adornata vesciche che durano per settimane e assumono una tinta violacea. Altri sintomi comuni includono nausea e vomito, sudorazione locale, dolori addominali, muscolari o articolari, sensazione di malessere, difficoltà respiratorie, perdita di coscienza, febbre, battito cardiaco accelerato e pressione sanguigna.

READ  Frédéric Fauthoux prolunga con Bourg-en-Bresse fino al 2027

Esiste anche il rischio di reazione allergica. Fortunatamente, le reazioni anafilattiche sono rare, ma esistono rischi di gravi complicanze (edema massivo con necrosi, emolisi grave, insufficienza renale, ecc.). Va notato che solo 10% dei casi sono gravi e comportano il ricovero in ospedale. Le dolorose vesciche possono finalmente cedere il passo cicatrici iperpigmentate e causare nuovi sfoghi in seguito senza contatto con l'animale.

Physalia della cucina portoghese o spagnola
Crediti: iStock

Come reagire in caso di puntura? Cosa fare per alleviare il dolore?

In caso di avvelenamento da parte di una fisalia, soprattutto non dovresti non strofinare la pelle direttamente con la mano. Lei infatti rischierebbe di ricoprirsi a sua volta di ustioni pungenti! E anche con i guanti chirurgici i microscopici arpioni presenti sui loro tentacoli rischiano di passare. Evitare inoltre l'uso del calore che intensificherà l'ustione anche se il veleno è potenzialmente labile al calore. Finalmente, non usare mai aceto o acqua dolce. Come quando noi urina su una puntura di medusaquesto può causare lo scoppio delle nematocisti urticanti.

Quindi che si fa?

1) Per prima cosa iniziate risciacquando la zona interessata con acqua di mare senza strofinare.

2) Quindi, se possibile, rimuovere i filamenti visibili con un doppio guanto o una pinza.

3) Spennellare la pelle con crema da barba o sabbia asciutta (sabbia mai bagnata che è troppo pesante e potrebbe quindi schiacciare i detriti dei tentacoli). Quindi raschiare con un cartone rigido o una carta andando verso l'alto.

4) Infine risciacquare con acqua di mare fredda o tiepida.

5) Puoi applicare del freddo, ad esempio un impacco di ghiaccio in un panno, per lenire le lesioni. D'altro canto, non applicare mai unguenti, gel o creme salvo diverso consiglio del medico.

READ  Come pulire i bavaglini? 4 consigli che funzionano

Se necessario, consultare un medico o SAMU a seconda dei sintomi osservati, soprattutto in caso di danni cardiorespiratori. Potrebbero quindi essere indirizzati a trattamenti correlati ai sintomi o simili a quelli necessari in caso di ustione termica. Alcune persone hanno bisogno, ad esempio, di antistaminici, antinfiammatori, topici curativi o addirittura antisettici.

Come evitare di essere morsi da una fisalia quest'estate?

non toccare mai una physalia in spiaggia
Crediti: iStock – Mod: ADGM

Come spiegato in precedenza, la cosa più importante è non toccare mai questo animale marino. Anche se sembra morto o trascinato sulla riva, fate attenzione a non entrare in contatto diretto con lui. Infatti, le sue cellule urticanti rimangono attive per diversi giorni dopo la sua morte. Inoltre, evitare il nuoto o le attività acquatiche a frequente contatto con l'acqua sulle spiagge interessate dalla loro presenza. Scegli il kitesurf o il windsurf, ad esempio, per limitare il rischio di esposizione.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *