Cosa sappiamo di questo dinosauro gigante appena scoperto?


I paleontologi hanno recentemente fatto una straordinaria scoperta nella regione Paysandú dell'Uruguay: un nuovo genere e specie di dinosauro chiamato Udelartitan celeste. Questi animali, che facevano parte del gruppo dei titanosauri, vissero più di 85 milioni di anni fa, alla fine del Cretaceo.

Un nuovo titano

IL titanosauri, un gruppo di dinosauri sauropodi, erano tra i più grandi animali terrestri mai esistiti. Questi enormi erbivori vissero anche durante il Mesozoico, principalmente nel Cretaceo. Con il loro collo e la coda lunghi, erano ben adattati alla vita sulla terra e distinti dal loro gigantismo. La superfamiglia dei titanosauri, chiamata Saltasauroidea, comprende vari generi e specie di dinosauri sauropodi. Erano tra gli erbivori dominanti del tardo Cretaceo e la loro presenza era particolarmente abbondante nel supercontinente Gondwana.

Misurare tra quindici e sedici metri lunghezza, Udelartitan azzurro inclusa questa famiglia di dinosauri. La sua scoperta si basa su materiale fossilizzato, comprendente sessanta vertebre caudali (tutte fortemente procele tranne la prima biconvessa), una coracoide parziale, frammenti di ossa lunghe (le parti prossimale e distale della tibia e la parte prossimale del perone), due astragalo e sei metatarsi, nonché frammenti di guscio d'uovo associati. Questi resti sono stati identificati nel 2006 nei sedimenti dell' Formazione Guichón, Uruguay.

Udelartitan celeste dinosauro titanosauro
Un'illustrazione dell'Udelartitan celeste associato ai vari fossili scoperti. Crediti: Soto et al./Cretaceous Research, 2024

Una specie distinta di dinosauro

La scoperta diUdelartitan azzurro rappresenta un evento significativo per la paleontologia, poiché aggiunge una nuova dimensione alla nostra comprensione dei titanosauri e della loro diversità. Sebbene i titanosauri siano conosciuti in Uruguay dall’inizio del XX secolo, questa nuova specie si distingue infatti per diverse caratteristiche uniche. Questi includono differenze nella forma e nella dimensione delle vertebre, nella struttura degli arti o in altri aspetti della sua anatomia ossea. Identificare e descrivere queste caratteristiche consente ai paleontologi di comprendere meglio le variazioni intraspecifiche all'interno del gruppo dei titanosauri e di riconoscere esemplari unici.

READ  Il Paris Basketball elimina JL Bourg nella prima partita della finale di Eurocup

Inoltre, Udelartitan azzurro fornisce preziose informazioni sull'ambiente preistorico dell'Uruguay alla fine del Cretaceo. La sua esistenza testimonia infatti la diversità dei dinosauri che all'epoca vivevano in questa regione, nonché le complesse interazioni tra questi animali e il loro ambiente. Gli studi futuri sull'Udelartitan celeste, tuttavia, consentiranno agli scienziati di ricostruire con maggiore precisione l'ecosistema di questo antico dinosauro.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Ricerca sul Cretaceo.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *