Da quando la rana pescatrice frequenta la zona di mezzanotte?


In un nuovo affascinante studio, i ricercatori rivelano come la rana pescatrice conquistò la misteriosa zona di mezzanotte dell’oceano circa 55 milioni di anni fa durante un periodo di estremo riscaldamento globale. Questi strani pesci hanno infatti sviluppato adattamenti unici che hanno permesso loro di prosperare nelle profondità marine, in particolare adottando strategie riproduttive insolite.

Colonizzazione della Zona di Mezzanotte

Rana pescatrice, che appartiene all'ordine di Lophiiformes, sono tra i gruppi più diversi di vertebrati delle profondità marine. Il loro aspetto è caratterizzato da esche bioluminescenti che attirano la preda nel raggio d'azione delle loro formidabili mascelle. Alcune specie vivono nella zona bentonica, mentre altre si trovano nella zona batipelagica, detta anche zona di mezzanotte, a profondità che vanno 4.000 metri sotto la superficie dell'oceano. Ma da quando questi pesci vivono a queste profondità?

In un lavoro recente, i ricercatori hanno stabilito che in particolare la rana pescatrice del gruppo Ceratioidea colonizzò questa regione durante il massimo termico del Paleocene-Eocene, a circa 55 milioni di anni.

I ricercatori lo hanno determinato studiando le caratteristiche morfologiche dei fossili e confrontandole con quelle delle specie attuali. Queste revisioni hanno identificato somiglianze e differenze significative. Osservando questi tratti morfologici, i ricercatori possono quindi determinare le relazioni evolutive tra diverse specie di rana pescatrice e stimare l'evoluzione di queste caratteristiche nel tempo. Ad esempio, differenze nella struttura delle pinne o nella dimensione degli organi sensoriali potrebbero indicare adattamenti ad ambienti specifici o stili di vita diversi.

Utilizzando tecniche di datazione geologica, gli scienziati possono anche determinare l’età approssimativa dei fossili e collocarli in periodi geologici specifici. Questa combinazione di metodi ha permesso scienziati per ricostruire la storia evolutiva della rana pescatrice, compreso il periodo in cui colonizzarono la zona di mezzanotte.

READ  Marmellata di bucce o semi di zucca: la ricetta autunnale

Si noti che quest’era è stata segnata da un riscaldamento globale estremo su scala globale. Le temperature dell’oceano avevano infatti raggiunto livelli eccezionalmente elevati, con un impatto notevole sugli ecosistemi marini.

baudroies
Un assortimento di diverse specie di rana pescatrice. Crediti: American Society of Ittiologi ed Erpetologi.

Diversi meccanismi di coping

Vivere nella Zona di Mezzanotte presenta sfide uniche, soprattutto quando si tratta di trovare partner riproduttivi. Tra gli adattamenti osservati, i maschi si sono notevolmente sviluppati narici giganti che consentono loro di localizzare i feromoni femminili nell'oscurità.

Sappiamo anche che alcuni maschi fondersi permanentemente con le femmine durante l'accoppiamento, diventando così parassiti sessuali. Questa fusione è il risultato di carenze nel sistema immunitario della femmina. La perdita di alcune funzioni immunitarie, che normalmente respingerebbero qualsiasi intruso, permette a quest'ultimo di accettare il maschio come parte del proprio corpo, facilitando così il parassitismo sessuale.

Questa strategia unica sarebbe stata utile durante il periodo di radicale sconvolgimento in questo ecosistema. In un ambiente marino anonimo come la Zona di Mezzanotte, la rana pescatrice non aveva accesso a strutture fisiche su cui aggrapparsi o nascondersi durante la riproduzione. In tali ambienti, trovare un compagno e mantenere un rapporto riproduttivo poteva quindi essere difficile, poiché non esistevano siti di riproduzione convenzionali.

La fusione in corso tra maschi e femmine, facilitata dalle carenze del sistema immunitario delle femmine, ha quindi offerto un vantaggio in questo ambiente specifico. Da un lato, questo stabilità assicurata, che garantiva la costante disponibilità del partner per la riproduzione. Potrebbe invece esserlo la fusione permanente tra maschi e femmine ridurre la concorrenza per i partner riproduttori. Una volta fusi, i maschi non avevano più bisogno di competere per attrarre le femmine, il che potrebbe essere vantaggioso in un habitat in cui le opportunità riproduttive sono limitate.

READ  Robert Pirès resta assistente di Bernard Diomède con la squadra francese U19 fino agli Europei

Questi adattamenti unici della rana pescatrice nelle profondità marine, che da allora sono stati conservati, evidenziano quindi l’importanza dell’evoluzione in ambienti estremi e forniscono preziose informazioni sull’adattamento degli organismi alle mutevoli condizioni ambientali.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *