Dalla scomparsa di Ayrton Senna il circuito di Imola ha cambiato volto



Cinque anni prima il Tamburello poteva già esserti fatale. La Ferrari di Gerhard Berger è andata a fuoco in questa veloce curva a sinistra e solo all'ultimo minuto siamo riusciti a estrarre dall'incendio l'austriaco privo di sensi. Con il suo amico brasiliano, Berger è tornato il giorno successivo sul luogo dell'incidente per provare a modificare la pista. “Con Ayrton ci siamo resi conto che il fiume sottostante limitava troppo fortemente la topologia, ci ha detto due anni fa. Ci siamo detti che non potevamo spostarlo. Avevamo capitolato. »

Non fu fatto nulla nel 1989 e fu proprio in questa curva che Senna morì nel maggio 1994. Il giorno prima, una curva più lontano, a Villeneuve, era rimasto ferito a morte anche il connazionale austriaco di Berger, Ratzenberger. Così, dopo questo week-end fatale, il tracciato emiliano ha deciso finalmente di modificare il proprio layout, installando due chicane su queste due curve veloci. Il tracciato, considerato troppo datato, scomparirà dal calendario nel 2007 dopo aver offerto due duelli giganteschi (Alonso-Schumacher) nelle ultime due edizioni.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *