Dallas vince a Oklahoma City e riconquista il comando nelle semifinali della Western Conference



A Dallas manca solo una vittoria per raggiungere di nuovo le finali della Western Conference. Mercoledì sera i Mavericks hanno vinto (92-104) sul campo di Oklahoma City, permettendo loro di condurre 3-2 nella serie, prima di gara 6, nella notte tra sabato e domenica (2 ore, ora francese).

Come in gara 4, Luka Doncic ha firmato una tripla doppia: 31 punti, 10 rimbalzi e 11 assist. « Era aggressivo, tirava, riusciva ad arrivare a canestro, giocava per i suoi grandi e per le ali, Lo ha detto l'allenatore del Dallas Jason Kidd. Ha fatto un buon lavoro prendendosi cura della palla, ma la sua intenzione era quella di andare a canestro e segnare, e lo ha fatto ad alto livello. » “Ho semplicemente provato a giocare a basket, concentrarmi sul basket, ha detto il 25enne sloveno dopo la vittoria. A volte dimentico che questo è ciò che amo. »

Holmgren ancora deludente

Si è unito al 2-2 durante la partita 4 persa (100-96) nonostante fossero in vantaggio di 14 punti nel terzo quarto e di 8 unità a meno di otto minuti dalla fine, questa volta i Mavericks non si sono lasciati ingannare. Soprattutto difendendo molto bene: Kyrie Irving, 12 punti, si è distinto.

READ  Il mistero che circonda Inoxtag e la sua scalata all'Everest

Shai Gilgeous-Alexander, 30 punti di cui 14 nel terzo quarto, ha più volte permesso a OKC di resistere e sperare in una nuova rimonta, riportandosi a meno di nove unità da Dallas negli istanti finali del terzo quarto. Ma il divario si allarga (89-71 a 9'31 dalla fine) grazie a Doncic, autore di otto punti di fila, e se i Thunder si fermano sul 10-0 riportandosi a 8 punti nell'ultimo quarto, i compagni di Derrick Jones Jr. (19 punti) non erano particolarmente preoccupati.

Chet Holmgren, che prima di gara 5 segnava 15 punti di media nella serie, è stato nella media (13 punti, 5 su 11 tiri) e Jalen Williams (12 punti) conferma di non essere così a suo vantaggio solo nei quarti, contro la Pellicani (21 punti di media).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *