Daniil Medvedev sul pubblico del Roland-Garros: “In questo momento preferisco che le partite tacciano”



“Ti qualifichi al terzo turno dopo che il tuo avversario si è arreso. Che lezione impari da questa partita?
Durante il primo set non sapevo che fosse infortunato. Gli scambi erano ancora piuttosto intensi. Ho servito bene. Mi sentivo bene in campo. Sono abbastanza soddisfatto del mio livello.

Mercoledì sera, Iga Swiatek ha chiesto al pubblico di non urlare durante gli scambi. Qual è la tua opinione su questo?
Penso che sia difficile rispondere perfettamente a questa domanda. Ci sono due modi per affrontare l’argomento. Direi che esiste una regola non ufficiale, o addirittura ufficiale, di non interrompere i giocatori durante la seconda di servizio, quando sono pronti a servire e poi durante il punto. Personalmente, mi piace questa regola. Poiché il tennis è così tecnico, ogni piccolo movimento può far cambiare direzione alla palla. Se qualcuno grida in quel momento, puoi fischiare un fallo.

Ora, se tutti i tornei fossero sempre rumorosi, prima o poi ci abitueremo. Attualmente la maggior parte lo sono (silenzioso) quindi quando arriviamo al Roland-Garros rimaniamo inevitabilmente turbati. Personalmente, la situazione attuale mi va bene. Soprattutto, penso che non ci sia una via di mezzo. O è tutto tranquillo oppure c'è sempre rumore. E a quel punto non possiamo più lamentarci di ciò. Per il momento preferisco che le partite tacciano. »

READ  Matthieu Pavon conclude la sua prima giornata degli US Open sul podio provvisorio



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *