Daniil Medvedev sulla partita contro Gaël Monfils: « Sto impazzendo, mi sto calmando… »



« Raccontaci l'episodio del secondo set in cui la palla è stata giudicata buona e che è stato un difetto, come hai annunciato, prima di impazzire…
Ho detto all'arbitro: 'Cosa facciamo quando poi vediamo che la palla era falla?, cosa facciamo se perdo la partita?'' Poi mi sono detto: « OK, calmati, Daniil. Passiamo al prossimo punto, passiamo alle prossime partite ». Ma sto impazzendo. Perdo due partite perché sto impazzendo. Mi calmo. Vinco la partita, quindi sono felice (sorride).

“Il piano era di non essere troppo aggressivi. È così bravo in difesa che a volte non dovresti attaccarlo. »

Dici che vuoi essere meno pazzo in campo. Come lavori lì? Perché a volte non funziona…
Sì, sto cercando di assicurarmi di diventare meno pazzo e che questo influenzi meno il mio gioco. Forse ho perso altre partite per questo, ma in questa partita in particolare sono riuscito a calmarmi di nuovo, dicendomi che non avevo fatto non voglio perdere la partita per questo motivo. A volte, se non riesci a controllare la follia in questo momento, devi controllarla dopo…

Quali sono i tuoi primi ricordi di Karen Khachanov contro la quale affronterai nel prossimo turno?
Abbiamo giocato contro di noi quando avevamo 9-10 anni… Quando ero giovane, non mi piaceva davvero giocare contro di lui. Ad un certo punto era davvero migliore di me, quindi stavo impazzendo. Ho ricevuto moltissimi avvertimenti. Karen mi guardava con occhi così… Poi siamo cresciuti e possiamo ridere di tutti questi momenti… »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *