DAZN pronta a discutere con la LFP le garanzie finanziarie per i diritti tv della Ligue 1


DAZN non molla la pratica dei diritti TV della Ligue 1 Dopo un’offerta da 500 milioni di euro a stagione all’inizio dell’anno, poi un’altra da 400 milioni a maggio, la piattaforma britannica ha recentemente formulato una nuova offerta al calcio professionistico. Lega (LFP), come rivelato da Il gruppo, 375 milioni di euro all’anno per otto partite su nove al giorno. Con la responsabilità della Lega di trovare un’altra emittente per l’ultima partita e le partite quasi-live, che potrebbe essere Amazon Prime, attuale emittente del Campionato, e/o un altro attore. Per questo la LFP spera di poter recuperare tra 75 e 125 milioni di euro aggiuntivi.

Ma questa offerta soddisfa la riluttanza di alcuni presidenti di club della Ligue 1ancora traumatizzato dall’episodio Mediapro del 2020, durante il quale il colosso sino-spagnolo non riuscì ad assicurare il pagamento delle somme promesse. « DAZN è pienamente disponibile a discutere le proprie garanzie finanziarie attorno ad un tavolo con la Lega » ha detto all’AFP una fonte vicina ai negoziati. La stessa fonte ha ricordato che le garanzie finanziarie presentate da DAZN nel settembre 2023 in occasione della gara indetta dalla LFP erano state ritenute soddisfacenti, poiché “costituivano il presupposto necessario per partecipare a questo bando di gara”.

Le stesse garanzie di Germania, Italia o Spagna

La piattaforma finalmente lo ricorda “Le garanzie finanziarie presentate alla LFP sono le stesse che DAZN ha presentato alla Bundesliga in Germania, alla Serie A in Italia, alla Liga in Spagna. Tanti i campionati che danno fiducia a lui. » Il consiglio di amministrazione della LFP dovrà decidere, probabilmente venerdì dopo lo svolgimento di un collegio che riunirà i presidenti dei club di Ligue 1, tra le due opzioni a sua disposizione attualmente.

READ  Podcast “Crunch” - Vannes-Grenoble: due destini per un posto nella Top 14

In alternativa, la Lega vorrebbe lanciare un proprio canale in alleanza con Warner Bros Discovery e il suo servizio di streaming Max. Non sarebbe più semplicemente un canale Ligue 1 al 100%, ma un canale Ligue 1 Max comprendente anche l’intero catalogo divertimento da Max a 27,99 euro mensili.

Anche Vincent Labrune, presidente della LFP, non rinuncia alla terza opzione. portando a beIN Sportssuo interlocutore privilegiato nell’aspra trattativa sui diritti televisivi della Ligue 1 che conduce da mesi.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *